CALCIOMERCATO/ Milan, da Allegri a Seedorf, contro l’Arsenal molti si giocano il futuro

- La Redazione

Domani contro l’Arsenal il Milan non dovrà assolutamente sbagliare. Nell’andata degli ottavi di finale i rossoneri vorranno certamente vincere contro i londinesi. Esame per tutti.

Ibrahimovic_CorsaR400
Zlatan Ibrahimovic (Foto: Infophoto)

Domani contro l’Arsenal il Milan non dovrà assolutamente sbagliare. Nell’andata degli ottavi di finale i rossoneri vorranno certamente vincere contro i londinesi per ipotecare il passaggio del turno. Altrimenti in caso di pareggio o sconfitta sarà difficile affrontare la banda terribile di Wenger all’Emirates Stadium. Anche il difensore brasiliano Thiago Silva sa perfettamente le difficoltà che potrà trovare contro i Gunners: “Speriamo di non sbagliare la partita in casa altrimenti sarà dura. Van Persie? Non so se riuscirò a fermarlo”. Già, l’olandese è lo spauracchio numero uno per il Milan. L’Arsenal non ha più Fabregas ma ha un Van Persie completamente diverso rispetto al solito. L’olandese infatti vorrà certamente dimostrare le sue grandi qualità di goleador per la sfida contro il Milan. Non sarà facile per la difesa rossonera fermare il giocatore. La sfida contro l’Arsenal sarà importante per molti giocatori rossoneri. Il passaggio degli ottavi di finale è importante per il futuro di Massimiliano Allegri che sa perfettamente di non potersi cullare nonostante il rinnovo del contratto fino al 2014. Il patron Berlusconi ha sempre voluto fare bella figura in Champions League per questo non vorrà uscire per la quarta volta consecutiva negli ottavi di finale. Allegri cercherà di puntare sulla voglia di Ibrahimovic di essere finalmente decisivo in Champions League. Anche per lo svedese è una gara importante. Febbraio è il mese nero del giocatore scandinavo che ha subito tre giornate di squalifica in campionato per la manata contro Aronica. In Champions dovrà dimostrare di essere un grande giocatore anche nelle grandi manifestazioni e nei momenti importanti. Altrimenti anche il suo futuro rossonero potrebbe traballare. Lui vorrebbe restare a Milano, il Milan è anche pronto a rinnovargli il contratto ma dovrà dimostrare qualcosa in Champions League. Anche i tanti senatori rossoneri devono giocare con grande intensità in questo ottavo di finale. Clarence Seedorf in questo periodo non sta facendo grandi cose ma l’olandese nei grandi match spesso si è esaltato. Sperano questo i tifosi del Milan. In attacco prova d’esame anche per Robinho che è sempre stato sostenuto per i suoi movimenti in attacco ma continua a segnare poco. Anche il capitano Ambrosini è sotto esame, lui come Seedorf e altri giocatori sono in scadenza di contratto

Sarà un esame diverso per il giovane El Sharaawy. Nessuno chiederà al piccolo Faraone di fare il salvatore della patria, ma oggi Allegri lo ha definito un titolare e allora se toccherà a lui scendere in campo dal primo minuto dovrà dimostrare di essere già un giocatore da Champions League.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori