CALCIOMERCATO/ Milan, Canovi (ag. fifa): infortunio Pato? Qualcuno rimpiangerà quel no… (esclusiva)

Dario Canovi, decano dei procuratori italiani, ha parlato in esclusiva dell’ennesimo infortunio di Pato e del possibile ritorno sul mercato del Milan per quanto riguarda l’attacco

22.08.2012 - int. Dario Canovi
pato_r400
Alexandre Pato: stasera inizierà dalla panchina (Infophoto)

Neanche il tempo di esultare per l’arrivo di Giampaolo Pazzini che in casa Milan si deve registrare l’ennesimo infortunio di Alexandre Pato. Ha dell’incredibile il nuovo infortunio del giocatore brasiliano che sembrava sulla via del recupero e invece quest’oggi si è fermato per un nuovo problema fisico. Questa sera o domani si saprà di più. Il nuovo stop di Pato, aldilà dei tempi di recupero, potrebbe spingere il calciomercato del Milan a tornare sul mercato sempre per quanto riguarda l’attacco. E’ vero che i rossoneri hanno appena concluso l’accordo con il Genoa per l’acquisto di Zé Eduardo, ma l’attacco del club di Via Turari ha perso sicuramente tanto rispetto allo scorso anno. Dario Canovi, decano dei procuratori italiani, intervistato in esclusiva da Ilsussidiario.net, ha parlato del problema fisico di Pato in chiave mercato: “I rossoneri devono riflettere bene su Pato. Non si può puntare su un giocatore che si fa male spesso. Nonostante la visita in America continua ad avere problemi e questo non è assolutamente una buona cosa per un club come il Milan“. Canovi invita il Milan a riflettere bene sul Papero che sembrava pronto per prendere l’eredità di Ibrahimovic e invece rischia di ricadere nel tunnel dei problemi fisici. Canovi ha parlato di Zé Eduardo, nuovo arrivo in casa Milan: “E’ un buon giocatore sulla carta ma non lo ha dimostrato lo scorso anno anche per problemi fisici. Non credo sia un acquisto collegato alle incertezze fisiche di Pato, anche perchè il Milan deve comunque fare altro in attacco. Non capisco perchè non siano stati investiti parte dei soldi che sono arrivati per le cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva“. Il Milan dunque ha bisogno di un altro attaccante anche perchè sarà difficile affrontare la stagione con il solo Pazzini e con Robinho ed El Sharaawy: “Anche perchè Pazzini non è Ibrahimovic – ha affermato Canovi – mentre Robinho non è per caratteristiche tecniche una punta“. Ai tifosi del Milan ritornano in mente i giorni in cui Pato sembrava a un passo dal Psg per circa 35 milioni di euro con il no di Berlusconi che bloccò anche l’arrivo di Tevez dal Manchester City: “Qualcuno forse rimpiangerà quella scelta di non cedere Pato al Psg. Anche perchè dopo alcuni mesi è stato ceduto uno come Ibrahimovic a un prezzo inferiore a quanto offrivano per Pato” dichiara Canovi.

Ora la situazione in casa Milan è problematica. I rossoneri dovranno cercare un rimedio ai problemi fisici di Pato e trovare un giocatore importante per l’attacco. Nel mirino ci sono alcuni nomi come quello di Nené del Psg, ma la trattativa non è assolutamente facile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori