CALCIOMERCATO/ Milan, Dedè in partenza dal Vasco: è l’occasione giusta?

Le parole del direttore generale del Vasco de Gama aprono alla partenza di Dedè: il difensore centrale brasiliano piace molto al Milan, che dovrà battere la concorrenza del Corinthians.

19.03.2013 - La Redazione
tifosa_brasile_bandiera
Foto Infophoto

“Sarà molto difficile riuscire a trattenere Dedè”. Con queste parole, rilasciate a Radio Globo, il direttore generale del Vasco de Gama Cristiano Koehler ha aperto alla partenza del centrale brasiliano. Nato nel luglio del 1988, Anderson Vital da Silva – questo il suo vero nome – è uno dei difensori più apprezzati attualmente in Brasile: in molti scommettono sul fatto che sarà lui a occupare il ruolo di centrale al fianco di Thiago Silva al Mondiale che i verdeoro giocherà in casa tra meno di un anno e mezzo. In passato Dedè era finito nel mirino della Juventus, ma allora i bianconeri si erano trovati di fronte alle stesse difficoltà che, ad esempio, Inter e Barcellona hanno avuto nelle trattative per Paulinho e Neymar: la volontà dei calciatori di rimanere in patria, perchè oggi il campionato brasiliano è competitivo e soprattutto lo sono gli stipendi, così che un giocatore cresciuto nel Paese non vede più l’Europa come una terra promessa in cui andare a guadagnare per poi magari fare ritorno a vivere una tranquilla fine carriera. Così anche Dedè ha detto “no grazie” ed è rimasto nel suo club. Le richieste però sono tante: non solo dall’Italia, anche in Europa premono per mettere le mani su di lui. In più, il Vasco de Gama non versa in ottime condizioni economiche e la sua cessione contribuirebbe a risanare il bilancio: “Tutti vorremmo che restasse, ma credo che a fine stagione lascerà il club”, ha proseguito Koehler. “Lui vuole continuare la sua carriera con altre opportunità e ingaggi più alti”. Ingaggi che il Vasco in questo momento non può garantire. Il Milan drizza le antenne: negli ultimi tempi sono stati i rossoneri ad effettuare sondaggi per il giocatore, volendo sistemare il reparto arretrati e convinti di trovare in lui il giusto erede di Thiago Silva. Ma Adriano Galliani ha un avversario in Brasile: si tratta del Corinthians, che oggi come oggi rappresenta l’eccellenza nel paese verdeoro, avendo vinto l’ultima Copa Libertadores. Chissà però che la recente cessione di Pato al Timao non abbia contribuito a preparare la strada all’ad del Milan…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori