Calciomercato Milan / Il Santos vuole sapere il costo di Robinho

Il Santos vuole sapere dal Milan il prezzo del cartellino di Robinho, per poi trattare il ritorno dell’attaccante brasiliano alla squadra che lo lanciò: novità importanti nei prossimi giorni

12.06.2013 - La Redazione
Robinho_lite
Robinho (Infophoto)

Il Santos aspetta di sapere dal Milan quale sarà il prezzo del cartellino di Robinho, per poi intavolare una trattativa con l’obiettivo di riportare in Brasile il giocatore che da molto tempo ormai è un obiettivo della società brasiliana che lo aveva lanciato nel grande calcio prima dell’avventura europea passata per il Real Madrid e il Manchester City prima di approdare in rossonero. Il portale brasiliano Uolesporte.com, citando fonti del comitato di gestione del club carioca, spiega dunque quali sono le strategie del Santos per riavere Robinho. Il club attende un segnale entro la fine di questa settimana, per discutere l’eventuale acquisto di Robinho in una riunione al più tardi mercoledì prossimo. “Il Santos attende di sapere il prezzo del giocatore il più presto possibile, anche questa settimana e poi decideremo il da farsi in base alle richieste del Milan e del giocatore – ha detto il vicepresidente del Santos Odílio Rodriguez – Discuteremo della cosa nel prossimo comitato di gestione e decideremo se l’operazione è fattibile o meno. Io credo di sì”. Robinho è il principale obiettivo di mercato del Santos per sostituire Neymar, appena ceduto al Barcellona. La disponibilità economica dunque non dovrebbe essere un problema per portare a termine un affare che sembrava essere stato già definito nello scorso gennaio, ma che invece saltò – o forse si tratterà solo di un rinvio all’estate. L’acquisto dell’ex numero 7 dovrebbe servire non solo per le esigenze della squadra in campo, ma anche a calmare i tifosi infuriati per l’andamento della squadra. Il Santos garantirebbe a Robinho un ingaggio di 350mila euro al mese.

Clicca qui per il riepilogo delle principali notizie di calciomercato del Milan di oggi, 12 giugno 2013 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori