Calciomercato Milan/ News, Casotti (Goal.com): Mexes e Robinho verso l’addio. Finnbogason, ecco i rischi (esclusiva)

- int. Federico Casotti

In esclusiva per IlSussidiario.net, il direttore di goal.com Italia, ovvero Federico Casotti, ha parlato del calciomercato Milan e in particolare delle cessioni di Mexes e Robinho.

Robinho
foto: Infophoto

Il Milan potrebbe cambiare molto in estate, la cura Seedorf sembra non funzionare più almeno in questa stagione, ma il tecnico olandese ha già deciso di presentare una lista di possibili partenti. Il Milan cercherà di sfoltire la rosa, in fondo i rossoneri dovranno andare avanti senza i soldi della Champions League, impossibile un recupero dei rossoneri i punti di distacco dal Napoli sono tanti. In esclusiva per IlSussidiario.net, Federico Casotti, direttore di Goal.com Italia ha parlato del calciomercato Milan. 
La cura Seedorf sembra non funzionare più. Che succede? Bisogna capire se è mai iniziata visto che spesso i risultati sono arrivati negli ultimi minuti con prodezze personali. 
Critiche a Seedorf ma continuerà anche nella prossima stagione… Ovviamente è giusto così, il Milan ha tanti problemi di rosa più che di allenatore.
Seedorf sta portando avanti il proprio pensiero tattico. E’ giusto così? Seedorf ha forte ammirazione di sè stesso, vuole portare avanti questo modulo anche il prossimo anno. Però sta già facendo scelte forti.
Cioé? Per eempio ha messo fuori Mexes che ha un ingaggio importante ed è in scadenza di contratto tra un anno. La società vuole risparmiare e Seedorf sta dando una mano al Milan.
Oltre al francese chi potrebbe andare via? Robinho anche è un altro dall’ingaggio importante e occhio anche a Balotelli che non sta facendo bene e quindi potrebbe essere ceduto magari dopo un Mondiale fatto bene.
Potrebbe arrivare Finnbogason, che ne pensa? E’ un giocatore che piace anche a me, però credo che ci siano dei rischi. Ha segnato tanto solo con il gioco di Van Basten e poi l’Heerenveen lo lascerebbe andare non certo per pochi soldi. Potrebbe essere un rischio.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori