Calciomercato Milan/ News, Arnuzzo (ag.FIFA): sacrifici per Lestienne e Lavezzi. Balotelli? Uno dei tanti… (esclusiva)

Calciomercato Milan news: in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Gianluca Arnuzzo parla delle possibili operazioni rossonere in particolare per quanto riguarda gli esterni

25.07.2014 - int. Gianluca Arnuzzo
lavezzi_digne
Foto Infophoto

Il Milan ha intenzione di prendere un esterno per completare la batteria voluta da SuperPippo Inzaghi. Il sogno di calciomercato è Ezequiel Lavezzi, esterno d’attacco del Psg che piace tanto ai rossoneri. Difficile però prendere il giocatore di proprietà del Psg, per questo il Milan starebbe pensando a diversi giocatori, uno di questi è Lestienne del Bruges. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Gianluca Arnuzzo ha parlato del calciomercato del Milan.
Il Milan ha intenzione di prendere Lavezzi. Solo un sogno? E’ difficile acquistare uno come Lavezzi che è sicuramente un grande giocatore e costa tanto. Ma il Milan ha il dovere di provarci.
Sarebbe l’acquisto giusto per i rossoneri? Assolutamente sì, il Milan aggiungerebbe un calciatore di grande livello che aumenterebbe di molto la forza dell’attacco rossonero. Inoltre Lavezzi conosce il campionato italiano alla perfezione, sarebbe già pronto per fare la differenza.
C’è anche Lestienne nel mirino del Milan, il belga può essere il rinforzo giusto? Lestienne è un bel giocatore e per lui ci vorrebbe un investimento comunque importante. Sarebbe un profilo giusto per il Milan, io farei questo investimento.
Manca qualità a centrocampo? Non sono d’accordo, io credo che lo scorso anno al Milan mancava soprattutto coesione a centrocampo, è questa la grande novità che deve introdurre Inzaghi.
Crede che SuperPippo riuscirà in questo scopo? Secondo me sì e credo che già ci stia riuscendo soprattutto da queste battute iniziali.
Un discorso che riguarderà anche Balotelli? Balotelli ha bisogno di sentirsi parte del progetto ma non come prima stella bensì uno dei tanti in modo, da poter dividere la pressione in tutto il resto del gruppo.

(Claudio Ruggieri) 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori