DIRETTA/ Napoli-Milan (Serie A 2011/2012): segui e commenta la partita live in temporeale

- La Redazione

Napoli-Milan è l’attesissimo posticipo della terza giornata. Il Napoli dopo il grande entusiasmo per un avvio di stagione da sogno vuole battere il Milan: ce la farà? Segui la diretta live

cavani_lavezzi_R400_4apr11
Lavezzi (Ansa)

Napoli-Milan è l’attesissimo posticipo della terza giornata di Serie A. Il Napoli dopo il grande entusiasmo per un avvio di stagione da sogno vuole colpire il Milan per fare male e agganciare la vetta della classifica. Tre punti per continuare davvero a sognare lo Scudetto battendo i Campioni d’Italia in carica. Anche se siamo solo all’inizio. Il Milan dal canto suo arriva da una prestazione europea parimenti esaltante contro al squadra più forte del mondo, ma l’infermeria è già piena e l’emergenza preoccupa i rossoneri. Vincendo il Milan sopravanzerebbe il Napoli, ma non potrebbe comunque agganciare la cima, perdere punti oggi significherebbe in ogni caso essere costretti a rincorrere. Fin da subito. Difficile dire se il segno X in Napoli-Milan danneggerebbe più i partenopei o i rossoneri, quindi cerchiamo l’ “oggettività” dei bookmakers: comunque vada, il pareggio è dato altissimo. E la favorita? Sorpresi o no è proprio il Napoli… 
Il Napoli del duo De Laurentiis & Mazzarri si presenta al San Paolo (tutto esaurito, che spettacolo per chi vedrà Napoli-Milan in diretta tv) con la consapevolezza di giocare in 12 contro 11. Non parliamo certo di pastette arbitrali, ma proprio di uno stadio infuocato che sarà un catino assordante di tifo per spingere il Napoli allo sfregio del Milan. Prosegue la buona sorte dei partenopei che recuperano anche il Pocho Lavezzi, mentre in infermeria resta solo il lungodegente Britos e Donadel (ma non avrebbe probabilmente visto il campo). L’integrità fisica è stata la chiave anche della scorsa splendida annata e alla faccia dei gufi, il Napoli non cambia strada. E così il Mister può schierare la formazione tipo che sta attraversando un momento eccezionale. Il Napoli infatti dopo il primo turno di campionato è una delle squadre in assoluto che si è resa più pericolosa,  e contemporaneamente una di quelle che è stata meglio in grado di difendere la propria porta. A pieno organico il giocattolo funziona bene e in casa si esalta. Probabilmente il Napoli affronterà il Milan con De Sanctis tra i pali, Campagnaro, Cannavaro e Aronica in difesa, Maggio, Inler, Dzemaili e Dossena a centrocampo, Lavezzi, Hamsik e Cavani a tentare l’assalto.
Il Milan di Allegri arriva a Napoli con il contegno del nobile ferito. Senza il favore del pronostico e incerottatissimo il Milan dovrà fare a meno di Gattuso, Ambrosini, Boateng, Robinho, Ibrahimovic e Inzaghi oltre che ai lungodegenti Mexes e Flamini. Non poco neanche per i campioni d’Italia. Facile pensare che ci sarà un po’ di turnover forzato e non in tutti i reparti del campo, tranne che in avanti. Galliani è stato chiaro sul modulo, la davanti è quello con le due punte e allora di nuovo Pato e Cassano dovranno sorreggere il peso del reparto offensivo. Grande occasione per Aquilani, che sarà schierato probabilmente come trequartista anche se in ballottaggio con Seedorf. Se la scelta dovesse all’ultimo momento ricadere sull’olandese, allora a centrocampo spazio ad Emanuelson. In difesa pare che non sia pienamente recuperato nemmeno Taiwo, infortunatosi alla caviglia per saltare un avversario che gli era caduto davanti all’esordio in campionato (un po’ l’esatto contrario di quello avvenuto ieri sera tra Marteen Stekelenburg e Lucio, clicca qui per il video). Ma il Milan se la vuole comunque giocare, e ci mancherebbe. Allegri schiererà Abbiati tra i pali, Bonera, Thiago Silva, Nesta e Abate in difesa, Seedorf, Van Bommel e Nocerino a centrocampo, Aquilani trequartista, Cassano e Pato di punta. E ora che lo scontro cominci: il fischio d’inizio di Napoli-Milan è ormai prossimo…

Attivo dalle 20:40

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori