CALCIOMERCATO/ Napoli, Di Marzio: puntare su Fernandez. No a Paletta, rimpianto Rodriguez… (esclusiva)

- int. Gianni Di Marzio

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Gianni Di Marzio, consulente di mercato del Qpr, ha parlato dei problemi difensivi del Napoli consigliando la società partenopea

federico_fernandez_mezzobusto_r400
Federico Fernandez, difensore del Napoli (Infophoto)

(Di Claudio Ruggeri) – Napoli.  La sconfitta contro il Bologna non è sicuramente piaciuta ai tifosi del Napoli che si aspettavano una reazione dopo il k.o. contro l’Inter. Ieri il Napoli ha perso in casa e non ha approfittato dello stop contro dei nerazzurri contro la Lazio; peggio ancora, i partenopei avevano in mano la vittoria ma negli ultimi cinque minuti hanno subito le reti di Kone (un capolavoro) e Portanova, pagando ancora una volta le disattenzioni sui calci da fermo. Così hanno fallito il sorpasso ai danni dell’Inter e sono stati agganciati al terzo posto dalla Lazio. in più c’è attesa – sarebbe meglio dire ansia – per le sentenze del processo relativo al calcioscommesse: Paolo Cannavaro (e Giuseppe Grava, che però è ai margini delle rotazioni di Mazzarri) potrebbero subire una squalifica di sei mesi (e non nove, come invece richiesto da Stefano Palazzi). Il Napoli sta pensando se intervenire o meno per l’acquisto di un difensore: l’assenza prolungata del capitano, che rimarrebbe fuori fino al termine della stagione, sarebbe un problema non di poco conto. De Laurentiis ha dichiarato che il reparto difensivo è ottimo, ma ieri contro il Bologna ci sono stati degli errori da parte del capitano Cannavaro e anche di Britos, poi sostituito a inizio ripresa per cambiare modulo. Gianni Di Marzio, consulente per gli acquisti del Queens Park Rangers ed ex tecnico del Napoli, in esclusiva a Ilsussidiario.net ha dichiarato: “Il Napoli ha in rosa un Nazionale argentino come Fernandez e non capisco perché Mazzarri non voglia puntare su di lui. E’ un giovane difensore e meriterebbe maggiore fiducia. Bisognerà però capire se il tecnico crede ancora nel giocatore”. Fernandez finora non ha avuto troppe occasioni: ha vissuto il suo momento di gloria lo scorso anno con la doppietta dell’Allianz Arena contro il Bayern Monaco, poi ha collezionato qualche apparizione senza mai lasciare il segno. Può partire, ma potrebbe anche essere lui il sostituto ideale di capitan Cannavaro. A proposito di possibili rinforzi, il Napoli ha messo nel mirino Gabriel Paletta, difensore del Parma che quest’anno ha elevato il suo rendimento: “Non mi sembra il giocatore giusto per il Napoli, ci vuole un altro tipo di difensore, uno che sappia impostare la manovra”. Di Marzio ha in mente un nome ben preciso: non ha digerito il mancato arrivo di un giocatore che oggi fa le fortune della Fiorentina. “Il Napoli si è lasciato scappare Gonzalo Rodriguez che i viola hanno preso dal Villarreal. Un difensore che oggi è tra i migliori al mondo, un vero peccato perché questo giocatore è bravo in marcatura e abile tecnicamente a impostare l’azione. Stesso discorso per Borja Valero, il Napoli manca di qualità in difesa e a centrocampo”. Un’analisi giusta quelle di Di Marzio visto che il Napoli stenta in fase di manovra di gioco, si è visto anche ieri sera; quando Inler non è in serata – e ultimamente è capitato spesso – i partenopei non hanno sbocchi offensivi. Mazzarri non ha dei giocatori in forma fisicamente, su tutti Christian Maggio, pendolino di destra che negli anni scorsi è stato un valore aggiunto ma in questa stagione stenta a garantire un rendimento accettabile. Non c’è più la spinta di prima, per questo il Napoli non riesce a imporre il proprio gioco.

I partenopei dovranno muoversi anche per trovare un vice Cavani, un ruolo scoperto per il momento. Nel mirino di Bigon ci sono diversi giocatori ma al momento non c’è niente di concreto, Mazzarri aspetta il rinforzo giusto e intanto può ritenersi soddisfatto dell’ottimo rendimento di Insigne, ormai calatosi perfettamente nel ruolo di seconda punta. Magra consolazione per una squadra precipitata a otto punti dalla vetta del campionato, ma anche questi sono segnali importanti per il futuro.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori