Callejon e Llorente in coda al supermercato/ Coronavirus Napoli, azzurri nella ressa

- Michela Colombo

Callejon e Llorente in coda al supermercato: giocatori del Napoli coinvolti nella ressa in un negozio, preso d’assalto dopo l’ultimo decreto per l’emergenza Coronavirus.

Callejon_Badelj_Napoli_Fiorentina_lapresse_2018
Josè Maria Callejon, con la maglia del Napoli (Foto LaPresse)
Pubblicità

In seguito alle ultime restrettive misure imposte dal Governo Italiano per arginare l’emergenza coronavirus in tutta Italia  in questi giorni è scattata una vera e folle corsa al supermercato per fare scorta: assalto a cui non sono sfuggiti, loro malgrado, neppure alcuni giocatori del Napoli. Come è noto, spesso giocatori famosi approfittano degli orari più inconsueti per svolgere le normali faccende quotidiane come appunto fare la spesa, per maggiore privacy, approfittando anche di negozi aperti 24 H e così ieri sera Callejon e Llorente, giocatori del Napoli hanno fatto presso un noto supermarket di Napoli, tra Vomero e Posillipo. Probabilmente però non si aspettavano di dover fare i conti con una fiumana di gente, arrivata a svuotare gli scaffali del negozio, in piena crisi di panico.

Pubblicità

CALLEJON LLORENTE IN CODA A NAPOLI: E’ RESSA NEI SUPERMARKET

Scene di questo genere però come è noto, si son ben viste in po’ tutte le parti di Italia in questi giorni, anche se naturalmente spesso non hanno visto famosi giocatori protagonisti nella ressa. Dopo le stringenti misure approvate del governo nell’ultimo decreto denominato #iorestoacasa in moltissimi si sono precipitati in supermarket per fare scorte in vista dei prossimi giorni, in preda al panico, trascurando però la prima regola, di mantenere le giuste distanze dalle altre persone. Vere e proprie code dentro e fuori ai negozi e resse per accaparrarsi l’ultima confezione sullo scaffale: fenomeni pure ingiustificati, come pure recentemente ha affermato Palazzo Chigi. Un episodio dunque assai spiacevole quello occorso ieri ai ragazzi di Gattuso, che in questi giorni rimangono in attesa di disposizioni da parte del club, tra calendario pieno di cancellature e l’esigenza di continuare ad allenarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità