Cancellati GP Gran Bretagna e Australia/ Motogp, saltano Silverstone e Phillip Island

- Michela Colombo

Cancellati Gp Gran Bretagna e Australia 2020: tolte le tappe di Silverstone e Phillip Island dal mondiale della Motogp. Attesa per il nuovo calendario.

Marquez MotoGp
Cancellati Gp Gran Bretagna e Australia 2020 - Marc Marquez (Foto LaPresse)

Cattive notizie ci arrivano per gli appassionati della Motogp: solo pochi istanti fa è stata annunciata la definitiva cancellazione del Gp di Gran Bretagna e Australia  per la stagione 2020. Dopo dunque gli out di Qatar, Germania, Olanda e Finlandia, pure le prove del Mondiale 2020 di Silverstone e Phillip Island non verranno effettuate: erano originariamente in programma per i weekend del 30 agosto del del 25 ottobre. La ragione dietro a tutto ciò è chiaramente la grandissima difficoltà di organizzare le due gare del motomondiale, viste anche le restrizioni ancora vigenti nei rispettivi paesi, imposte per limitare la pandemia da coronavirus, che ha bloccato la stagione stessa già a fine febbraio. E’ dunque un triste evento per tutti gli appassionati: per la prima volta in oltre 70 anni di storia, nessuna gara della Motogp prenderà luogo nel Regno Unito e pure non si farà tappa in Australia, dove anche negli anni passati abbiamo assistito a gare al cardiopalma, indimenticabili.

GP RINVIATI AL 2021: ATTESA PER IL NUOVO CALENDARIO MOTOGP

In seguito all’annuncio ecco che pure i direttore dei due rispettivi tracciati si sono rammaricati della cancellazione dei Gp di Gran Bretagna e Australia 2020: specie per quella inglese, che nel 2018 ha subito la sospensione e poi la cancellazione della sola gara (il resto del weekend si è disputato regolarmente) per le avverse condizioni meteo. Assieme in una breve nota pubblicato sul portale ufficiale della Motogp, si legge la costernazione anche di Carmelo Ezpeleta, CEO della Dorna: “Ci rattrista dover annunciare la cancellazione di questi eventi emblematici e il motivo è legato ai problemi logistici e operativi derivanti dalla pandemia di coronavirus e dalla riorganizzazione del calendario. Silverstone e Phillip Island sono sempre stati due degli appuntamenti più emozionanti della stagione. Entrambe le piste non vengono mai a meno alla promessa di offrire alcune delle gare più vicine al nostro campionato”. Ora si attende solo che la federazione pubblichi il nuovo calendario 2020 della Motogp, che come da ultime indiscrezioni dovrebbe partire ai primi di luglio, in Spagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA