CAOS SIRIA/ Uccisione di al-Baghdadi, qualcuno (in Turchia) non la racconta giusta

- Giuseppe Gagliano

Se Abu Bakr al Baghdadi è stato trovato nascosto a Barisha, un villaggio nella provincia siriana di Idlib, Erdogan non poteva non sapere

strage cristiani nigeria
Al Baghdadi, ex califfo dell'Isis (Foto Twitter: Site)
Pubblicità

La scoperta della scorsa settimana che Abu Bakr al-Baghdadi si nascondeva in una porzione di territorio siriano controllato dalla Turchia solleva inevitabilmente domande sul ruolo di Ankara nel conflitto in corso e sui suoi rapporti con lo stato islamico.

L’autoproclamato califfo dello stato islamico è stato trovato nascosto a Barisha, un villaggio nella provincia siriana di Idlib, che si trova a soli due chilometri dal confine turco. La regione che circonda Barisha è sotto il controllo della Turchia e può essere descritta con precisione come un protettorato turco all’interno della Siria. L’area a nord di Barisha è sotto il controllo turco dall’agosto 2016, quando Ankara ha lanciato l’Operazione Euphrates Shield, un’operazione transfrontaliera condotta dalle forze armate turche in collaborazione con le milizie turche in Siria. All’inizio del 2018, le forze turche e filo-turche hanno esteso il loro controllo territoriale più a sud, occupando Barisha e tutte le regioni circostanti.

La Siria settentrionale occupata dalla Turchia è spesso descritta come un “proto-Stato” governato da un insieme di consigli locali di turkmeni e arabi, con anche alcuni curdi e yazidi. Questi consigli eleggono i rappresentanti dell’autoproclamato governo provvisorio siriano, che è stato formato in Turchia da esiliati siriani sostenuti dalla Turchia e attualmente ha sede ad Azaz, una città a maggioranza araba di 30mila abitanti sotto il diretto controllo militare turco. Azaz è anche il quartier generale della “Free Police” sostenuta dalla Turchia, una milizia in stile gendarmeria che è finanziata e addestrata dal governo turco.

Pubblicità

Oltre alle truppe turche, la regione è controllata dall’esercito nazionale siriano finanziato dalla Turchia. Le 25mila truppe dell’Sna – che viene scherzosamente definita dalla gente del posto come “Esercito nazionale siriano turco” – operano completamente sotto il comando turco. Una parte sostanziale della forza dell’Sna è costituita da ex combattenti dello stato islamico. Altri sono ex membri del gruppo che si chiamava Jabhat al-Nusra, un affiliato di al-Qaeda che è diventato il più potente gruppo salafi-jihadista in Siria dopo la fine dello stato islamico.

La Siria settentrionale occupata dalla Turchia è anche la base di Ahrar al-Sham, un gruppo salafi-jihadista composto da oltre 20mila combattenti, che non è ufficialmente allineato con al-Qaeda ma ha obiettivi simili. Da almeno il 2017, Ahrar al-Sham ha operato come milizia dietro mandato turco e i suoi membri gestiscono dozzine di punti di controllo e posti di osservazione in tutta la regione.

Pubblicità

Infine, l’area ospita Hurras al-Din, un altro gruppo salafiti-jihadista affiliato ad al-Qaeda – sebbene i suoi leader lo neghino – in grado di operare in aree controllate dalla Turchia in Siria con facilità sospetta. È stato questo gruppo, Hurras al-Din, a proteggere Al-Baghdadi a Barisha in cambio di denaro.

Dato il controllo militare e politico della Turchia nella provincia di Idlib, si pone la questione di come il leader terrorista di più alto profilo al mondo sia stato in grado di entrare nella regione e ricevere protezione da una milizia che opera lì sotto l’occhio vigile dell’esercito turco. Il New York Times riferisce che al-Baghdadi viveva a Barisha da diversi mesi prima del raid della scorsa settimana e che Washington era a conoscenza della sua posizione di nascondiglio dall’estate. L’intelligence turca era anche a conoscenza della posizione del leader dello stato islamico? In caso contrario, come potrebbe essere? Se sì, perché ci è voluta una spia curda, gestita dall’intelligence curda-siriana, per localizzarlo e fornire informazioni alla Casa Bianca? Ancora più importante, qual è esattamente il rapporto tra la Turchia e gli islamisti collegati ad al-Qaeda che sembrano operare liberamente in Idlib e forniscono protezione agli alti funzionari dello stato islamico in cambio di denaro?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità