Caterina e Melissa, scambiate in culla/ “Litighiamo come sorelle e ci compensiamo”

- Alessandro Nidi

Caterina e Melissa, scambiate in culla: “Facciamo le stesse cose e studiamo insieme, siamo molto unite”. La loro storia raccontata nel film “Sorelle per sempre”

caterina melissa sorelle per sempre 640x300
Caterina e Melissa (Sorelle per sempre)

Caterina e Melissa, scambiate in culla, sono state protagoniste della puntata odierna di “Oggi è un altro giorno”, trasmissione condotta da Serena Bortone, insieme alle loro madri. Le due giovani, la cui storia è stata narrata recentemente nel film di Rai Uno “Sorelle per sempre“, hanno dialogato in studio con la presentatrice, rivelando che tutte e cinque le figlie delle due famiglie hanno tatuata la scritta ‘sisters’ sul polso destro, sottolineando ulteriormente il loro legame.

I primi momenti sono stati complicati, tanto per le mamme e i papà, quanto per le ragazze, che hanno evidenziato i primi pianti dopo lo scambio di famiglie e la presenza di otto nonni nelle loro vite. “Abbiamo caratteri completamente diversi, una compensa l’altra. Avendo la stessa età, facciamo le stesse cose, studiamo insieme. È anche per questo che riusciamo a stare così insieme. Tutte e cinque siamo abbastanza unite”.

CATERINA E MELISSA, SCAMBIATE IN CULLA: “LITI? CE NE SONO STATE”

Litigi tra Caterina e Melissa? Ce ne sono stati, ma anche con le altre sorelle biologiche, addirittura per il posto in macchina. “Litighiamo come sorelle”, hanno confessato sorridendo le ragazze, ma “non abbiamo avuto mai discussioni per un fidanzato, per questioni sentimentali. Se a entrambe piace lo stesso ragazzo, decidiamo di comune accordo di lasciarlo perdere”.

“I nostri Natali? Sono stati sempre da nonno Baldo, con cui c’era sempre un rapporto di famiglia. C’erano armonia e allegria, stavamo tutti bene insieme”. Successivamente, ha preso la parola una delle sorelle biologiche, Lea: “Quando mi hanno ‘cambiato’ la sorellina è stato traumatico, poi piano piano, affrontando la situazione, ho accettato Caterina. La facevo giocare, anche se la vedevo come un’estranea. Pensavo sempre a Melissa, per me lei era mia sorella. Oggi con Caterina ho un legame unico”. Quello che è successo ha reso le due famiglie più forti o più deboli? “Credo che, guardandoci, la risposta sia già chiara. Camminiamo con lo scudo, siamo forti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA