Catherine Spaak a Storie Italiane/ “Non sono come mia madre! Con Vladimiro invece…”

- Hedda Hopper

Catherine Spaak a Storie Italiane si racconta tramite una serie di foto grazie alle quali parla della madre, del marito e del suo amore per le donne

catherine spaak
Catherine Spaak in tv

CATHERINE SPAAK SI RACCONTA A STORIE ITALIANE

Un ospite di tutto rispetto oggi a Storie Italiane dove Catherine Spaak ha preso posto al cospetto di Eleonora Daniele per raccontarsi tramite una serie di foto che hanno ripercorso la sua carriera ma anche la sua vita privata. Dal rapporto con la madre a quello con le donne (che l’hanno portata alla conduzione di Harem) finendo al suo attuale compagno, Vladimiro Tuselli più giovane di lei di 18 anni. La conduttrice non può far altro che venerare la sua bellezza e il suo stile, di cui da sempre è icona indiscussa, e la Spaak ha subito chiarito di essere in un momento di grazia: “La grazia è il momento in cui sei in equilibrio con te, la natura, i pensieri che con l’età diventano sempre di meno, accontentarsi di quello che si ha e che ho avuto. Io non sono contro la vita e contro l’invecchiamento. Ad una certa età ognuno ha la faccia che si merita tranne gli incidenti di percorso che possono avvenire, noi siamo responsabili di noi stessi per darci agli altri. Io do moltissimo agli altri in questo momento…“. Inutile dire che l’argomento si è poi spostato sulla sua vita privata e, in particolare, proprio su Vladimiro Tuselli.

LA DIFFERENZA D’ETA’ CON VLADIMIRO TUSELLI

La loro foto insieme passa sul led mentre Roberto Alessi subito fa notare che Tuselli è davvero sfuggente: “Vladimiro è una grana, non vuole fare foto e non vuole venire fuori  giornalista”. La stessa cosa è confermata da Catherine Spaak che sembra un po’ restia a parlare di lui: “Non ha partecipato a interviste o trasmissioni e per questo ancora più rispettabile. Pilota di porto a Venezia, è un mestiere pericoloso, è una persona riservata. Non credo che la differenza di età sia importante, è un pregiudizio e penso che sia inutile parlarne. Le persone si rispettano senza tenere conto dell’età“. La differenza d’età non sembra essere uno scoglio per lei che poi ha modo di parlare anche delle sue colleghe e delle donne in generale e poi chiede un applauso per l’amica e collega Monica Vitti: “Durante il nostro film insieme avevo capito che qualcosa si era rotto in lei, aveva vuoti di memoria che lei riempiva bene. Mi sono divertita molto con Claudia Cardinale. Io amo le donne e mi trovo benissimo con loro”. Sia l’attrice che la conduttrice di Storie Italiane chiedono a gran voce il ritorno di Harem anche se la stessa Spaak fa notare che forse è ormai troppo vecchia per questa tv.

CATHERINE SPAAK E IL RAPPORTO CON LA MADRE CLAUDIE CLÈVES

Un capitolo a parte spetta alla madre Claudie Clèves, pseudonimo di Alice Perrier, attrice e sceneggiatrice francese. La Spaak parla di lei e del suo rapporto con la bellezza prendendone però subito le distanze perché lei si trova praticamente agli antipodi rispetto al suo pensiero (questo succede spesso tra madri e figli). L’ospite di Eleonora Daniele racconta: “Io non le somiglio per niente. La libertà di una donna è una cosa fondamentale. Avere un lavoro è una colonna portante e poi accettare che le cose non possano andare bene, i cambiamenti, le sofferenze” e poi prosegue raccontando dei suoi ricordi di bambina: “Mia madre era una donna molto bella e ha girato qualche film, poi si è fermata per problemi di salute. E’ stata una persona molto fragile col tempo un po’ vittima della sua bellezza che era tutta la sua vita, dipingeva, era una donna raffinata, stravagante. L’invecchiamento per lei è stato molto faticoso”. L’intervista si conclude con un pensiero a quella che è la sua vita: “Io guardo e vivo il presente e non il futuro, sono dentro la vita in questo momento e questo mi basta, non voglio altro“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA