CHERNOBYL, LIQUIDATORE SI UCCIDE DOPO AVER VISTO SERIE TV/ I motivi del suicidio

- Dario D'Angelo

Chernobyl, il liquidatore Nagashibay Zhusupov si è suicidato dopo la messa in onda della serie tv: non ha retto al peso dell’umiliazione.

chernobyl serie Web1280
La serie Chernobyl

Non è morto in seguito al più grande disastro nucleare che l’umanità abbia mai conosciuto, ma è deceduto dopo aver visto in tv Chernobyl, la serie che ha raccontato i fatti che ha vissuto in prima persona, restando schiacciato dal peso di un dramma allo stesso tempo collettivo e personale. Questa è la storia del liquidatore Nagashibay Zhusupov, di cui nelle ultime ore è arrivata notizia del suicidio. Con il termine di liquidatore ci si riferisce a tutti quei volontari che in seguito all’esplosione del reattore 4 della centrale di Chernobyl decisero di sfidare le radiazioni e i pericoli per la propria salute dinanzi alla promessa di ricevere un lauto compenso e agevolazioni di vario tipo quali pensionamento anticipato, assistenza medica gratuita, possibilità di viaggiare gratis per sempre con ogni mezzo pubblico.

CHERNOBYL, LIQUIDATORE SI UCCIDE DOPO AVER VISTO SERIE TV

Nagashibay Zhusupov, il liquidatore che si è suicidato dopo aver visto “Chernobyl”, la serie europea di Sky più seguita di sempre, come molti altri compagni si vide sopprimere nel 2004 la maggior parte dei diritti acquisiti con la sua coraggiosa azione dopo il disastro nucleare. Da quel momento sono stati moltissimi i casi di depressione e alcolismo registrati tra le persone che sfidarono la morte per garantire un avvenire migliore alle proprie famiglie. Zhusupov, dopo la messa in onda della serie HBO, non avrebbe retto al peso di vedere raccontata la sua umiliazione in tv, decidendo di togliersi la vita. Il presidente dell’associazione dei liquidatori, Bakitzhan Satov, ha appoggiato questa tesi, dichiarando: “Per anni ha combattuto per vie legali per ottenere un appartamento. L’ultima volta che l’ho visto, era molto rammaricato. Credo si sia buttato giù per la disperazione di non avere mai ottenuto quell’appartamento“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA