Ciclone, Takagi & Ketra con Elodie, Mariah, Gipsy Kings/ Film cult di Pieraccioni…

- Hedda Hopper

Ciclone, nuovo singolo di Takagi & Ketra con Elodie, Mariah, Gipsy Kings, il film cult di Leonardo Pieraccioni riprende vita

elodie ciclone singolo min

Un brano in cui la parola d’ordine è ritmo, quello è il Ciclone e gli italiani non hanno bisogno di altro dopo i terribili mesi che si stanno lasciando alle spalle se questo poi va di pari passo con un “remake” del film cult di Leonardo Pieraccioni il gioco è fatto. Le note si susseguono, il ritmo sale così come l’adrenalina mentre sul set si presentano Elodie in versione ballerina di flamenco e Takagi & Ketra pronti a salire sul famoso motorino che il personaggio di Pieraccioni usava nel film, il salto nel passato è compiuto così come la missione: scalare la classifica e portare a casa il titolo di tormentone estivo. Ci riuscirà? Siamo sicuri di sì e non solo per l’energia che il pezzo riesce a sprigionare ma anche per tutto quello che è riuscito a mettere insieme sia nel video che nel perfetto mix di voci che hanno collaborato al brano.

IL CICLONE METTE INSIEME ENERGIA E VOCI

Ciclone da oggi, venerdì 19 giugno, sarà disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali con la collaborazione di Elodie, degli artisti internazionali Mariah e dei Gipsy Kings. Takagi & Ketra hanno commentato: “E’ arrivato quel momento dell’anno in cui c’è voglia di un pò di leggerezza e di ballare per celebrare la vita. Quest’anno ancora più degli altri. “Ciclone” è una canzone nata per cercare di portare una bella dose di energia positiva. L’abbiamo scritta insieme a Davide Petrella, Federica Abbate e Miki La Sensa e siamo felici che con noi ci siano Elodie, una delle voci più cool del pop italiano, Mariah artista di Miami, astro nascente della musica che abbiamo avuto modo di conoscere prima ancora di collaborare, e i leggendari Gipsy Kings che sognavamo di coinvolgere nel brano”. Il successo è assicurato e i fan non possono far altro che mettersi comodi in attesa del video se la premessa è quella in foto…

© RIPRODUZIONE RISERVATA