REPORT/ Anticipazioni puntata di oggi, domenica 22 maggio 2011, su Raitre alle 21.30 Generazione a perdere

- La Redazione

Come ogni domenica, Raitre manda in onda in prima serata una puntata di Report, la trasmissione di approfondimento giornalistico condotta da Milena Gabanelli

Gabanelli_MilenaR400
Foto: Imagoeconomica

Un appuntamento fisso della domenica sera in televisione è quello con Report, la trasmissione di approfondimento giornalistico condotta da Milena Gabanelli. Una trasmissione nata nel 1997 con pochi mezzi, ma diventata in pochi anni un punto di riferimento per il giornalismo di inchiesta, anche per via dei temi scomodi che spesso vengono trattati. Milena Gabanelli, la conduttrice, ha cominciato a lavorare per la Rai negli anni Ottanta come giornalista freelance inviata di Mixer, il programma di Giovanni Minoli.

Questa sera, domenica 22 maggio 2011, la puntata di Report ha come titolo Generazione a perdere ed è dedicata alla situazione e alle prospettive dei giovani in Italia. Questa settimana sono balzate alle cronache anche le manifestazioni di piazza dei giovani spagnoli, i cosiddetti indignados, che protestano proprio contro le scarse prospettive per i giovani nel loro Paese.

Report analizzerà il problema dellItalia, dove gli anziani sono diventati più dei giovani, anche perché si fanno meno figli di una volta e perché mancano adeguate politiche di welfare.

Il paragone con la Francia, spiega Report attraverso il suo sito, mostra che in Italia mancano all’appello circa 4 milioni di giovani tra i 25 e i 35 anni. Forse questo è dovuto al fatto che le strategie politiche del nostro Paese non si vogliano occupare dei giovani, salvo poi giocarsi il loro stato di precarietà nelle campagne elettorali.

I giovani italiani, da parte loro, rispondono a questa situazione lasciando il nostro Paese. Laureati e ricercatori all’estero trovano posti di lavoro e condizioni di vita migliori, lasciandosi alle spalle un’Italia in cui i padri stanno erodendo molti dei loro risparmi per mantenere i figli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori