LEREDE/ Famiglia, tensione e favole, per un film che porta un “alieno” nei cinema

Nei cinema è arrivato il film che segna lesordio del regista italo-francese Michael Zampino, che cerca di riportare in Italia un genere mai andato di moda. Ce ne parla MATTEO CONTIN

18.07.2011 - Matteo Contin
EredeR400
Una scena del film L'erede

Bruno è un medico trentacinquenne che, dopo la morte del padre, eredita una vecchia villa di campagna situata sugli Appenini. Trasferitosi da Milano per qualche giorno, in modo da sovrintendere i lavori di restauro, Bruno farà la conoscenza dei vicini di casa, amici del padre (che gli aveva affidato la gestione della fattoria annessa alla villa). Inizialmente accolto cordialmente, Bruno conoscerà pian piano non solo i lati oscuri dei suoi vicini di casa, ma anche quelli del suo passato e di quello della sua famiglia.

Lerede, lungometraggio desordio del regista italo-francese Michael Zampino, è un insolito prodotto per il cinema italiano. Insolito perché si tratta di un film thriller-noir, genere che nel Bel Paese non è mai andato granché di moda (purtroppo). Complimenti quindi a regista e produttore per il coraggio di proporre in Italia un genere alieno, pur adattandolo con intelligenza alle tematiche del nostro cinema (non stupiamoci quindi se Lerede si possa definire, in fondo, come un thriller-familiare)

Nonostante faccia fatica a decollare, la pellicola mette in evidenza le doti registiche di Zampino, capace di costruire con pochi elementi una buona tensione narrativa e di realizzare una prima parte solida e ben equilibrata, i cui meriti sono però parzialmente cancellati da una seconda parte dai toni sin troppo eccessivi, compreso un epilogo urlato e inutilmente melodrammatico.

Si nota anche la volontà del regista di provare qualcosa di nuovo a livello visivo: qualche suggestione grafica funziona, ma il budget non sempre supporta il regista, anche se la buona fotografia di Mauro Marchetti (Dellamorte dellamore, Il muro di gomma) riesce a donare al film unatmosfera sospesa tra il realismo e la favola oscura.

Peccato che la sceneggiatura, scritta dallo stesso regista in coppia con Ugo Chiti (Manuale d’amore, L’imbalsamatore), sfoci in uno svolgimento abbastanza banale e prevedibile, non scevro di buoni momenti, ma che sa regalare poche sorprese. Ed è un peccato visto che L’erede sembrava aver trovato un equilibrio tra il thriller e alcuni contrappunti da favola nera (la notte, la strega), capaci di dare originalità a un plot che non sempre brilla per nuove idee.

Alessandro Roja (Feisbum – Il film, la serie tv Romanzo criminale, in cui interpreta il Dandi) dà una buona prova di recitazione, come pure Guia Jelo (Le buttane), anche se nel finale il suo recitare si trasforma in un manierismo un poco fastidioso. Meno bene i comprimari Davide Lorino e Tresy Taddei, schiacciati anche da due personaggi un tantino piatti e monotematici.

Pur non essendo un film perfetto, L’erede si dimostra essere un esperimento interessante per portare il thriller nelle sale italiane, declinandolo alla nostra sensibilità e alle tematiche a cui siamo più legati. Anche se purtroppo, non credo che L’erede possa avere la forza di ridare vita a un genere che in Italia non ha mai avuto grossa fortuna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori