PAPA GIOVANNI – IOANNES XIII/ La vita del “Papa buono” su Rai 1. La trama

- La Redazione

Unesistenza straordinaria, che dopo aver attraversato due guerre mondiali, in soli cinque anni di papato è riuscita a lasciare unimpronta indelebile nella storia della Chiesa

Fotolia_telecomando2_R439
Fotolia

Nel giorno del 50mo anniversario la Rai dedica ampio spazio al Concilio Vaticano II. In prima serata, alle 21.15, andrà in onda la fiction dedicata alla vita di Angelo Roncalli, ovvero di Giovanni XXIII, il Papa buono, nato nel 1881 e morto nel 1963, beatificato nel 2000 da papa Giovanni Paolo II. Unesistenza straordinaria, che dopo aver attraversato due guerre mondiali, in soli cinque anni di papato è riuscita a lasciare unimpronta indelebile sul suo tempo e nella storia della Chiesa. La fiction, prodotta e trasmessa nel 2002, è diretta da Giorgio Capitani e vede fra i suoi protagonisti Massimo Ghini che interpreta Angelo Roncalli in gioventù e Bianca Guaccero che abbiamo visto recentemente nel ruolo di Francesca, la compagna di Enzo Tortora nell’omonima fiction diretta e interpretata da Ricky Tognazzi. La fiction su Papa Giovanni XXIII sarà preceduta da un intervista di Bruno Vespa al Cardinal Tarcisio Bertone. Il racconto parte dal 1958 quando, Angelo Roncalli, allora Patriarca di Venezia parte alla volta di Roma per la morte di Pio XII: durante il viaggio ricorda la madre e la sua misera giovinezza, quando scoprì la vocazione al sacerdozio. A Roma i cardinali si stanno informando sulla figura di Roncalli e si fanno raccontare i fatti di Bergamo nel 1909, quando il giovane don Angelo partecipa a uno sciopero contro lo sfruttamento. Don Angelo viene inquisito ma non desiste e, viste le difficoltà degli operai, dona loro l’anello pastorale. Successivamente verrà prosciolto dalle indagini.

Don Angelo partecipa alla Prima guerra mondiale come cappellano militare sul Carso nel 1915. Successivamente nel 1925 viene nominato vescovo dal Papa, che lo manda in Bulgaria, poiché ci sono scontri tra ortodossi e cattolici. In occasione di un terremoto che ha distrutto numerosi villaggi ortodossi, il vescovo Roncalli offre loro cibo e denaro per la ricostruzione ed i rapporti tra le due chiese si avvicinano. Nel 1944 si trova in Turchia, i nazisti bloccano un treno carico di ebrei che stanno andando in terra santa, qui Roncalli incontra Sara e Gad Levi, che troverà successivamente a Roma, e cercherà grazie all’aiuto dell’ambasciatore del Reich di rilasciare un salvacondotto che salverà centinaia di vite umane. 

Nel 1945 Pio XII manda il cardinale Roncalli alla Nunziatura Apostolica di Parigi per evitare l’espulsione di 30 vescovi contrari alla politica De Gaulle, grazie alla mediazione di Roncalli ne vengono espulsi solo 3. Intanto inizia il conclave ed il 28 ottobre 1958 viene eletto il cardinale Roncalli col nome di Giovanni XXIII e si presenta alla folla.

A seguire, andrà in onda un documentario dal titolo “Concilio Vaticano II” che ricostruisce il clima storico, teologico, culturale ed emotivo di quell’evento che ha segnato così profondamente la storia della Chiesa, oltre ad aver influenzato quella del mondo contemporaneo. Ad arricchire la produzione del docu-film, l’esclusivo materiale storico audio e video in possesso della Filmoteca Vaticana, che ha messo a disposizione testimonianze, documenti e filmati inediti relativi al Concilio Vaticano II e alla sua organizzazione. Numerose anche le testimonianze e le interviste esclusive a 14 fra Cardinali, Patriarchi e Arcivescovi, realizzate per analizzare e approfondire le grandi tematiche affrontate dal Concilio. Concluderà la serata una puntata speciale di Porta a Porta condotta da Bruno Vespa. Interverranno, tra gli altri, il Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi, lo scrittore Vittorio Messori, lo storico Alberto Melloni e Gianfranco Svidercoschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori