MISTERO ITALIA 1/ A caccia di fantasmi, di cadaveri riesumati e di Ufo. Video

- La Redazione

La sintesi della puntata dell’affascinante programma di Italia 1 che indaga su fenomeni occulti, inspiegabili, legati al paranormale. Gli inviati fanno luce su interessanti fenomeni 

Mistero_bossari_alexanderR400
La squadra di Mistero

Mistero, l’affascinante programma in onda su Italia 1 ha regalato indagini mozzafiato nella puntata andata in onda ieri sera. Mistero è andato alla scoperta di cadaveri riesumati con inquietanti effetti di mummificazione, ma ci sono altri fenomeni occulti e apparentemente inspiegabili che hanno portato alla luce gli inviati del programma. Il primo reportage parla di Ufo. Marco Berry si è recato alla volta del monte Conero, nelle Marche, dove tra le rocce e il mare, sono state avvistate strane luci. E nella stessa zona, si parla di frequenti sparizioni di navi. L’inviato si è immerso tra le rovine di una nave il cui naufragio è legato a ipotesi di oggetti volanti non identificati. Qui, alcune voci mai confermate, sospettano l’esistenza di una base militare all’interno del monte Conero. Ma c’è addirittura chi, come Americo Zoia (di 86 anni), sostiene di aver contribuito alla costruzione della struttura, e di conoscere segreti inconfessabili, la cui rivelazione causerebbe la morte. Lo speleologo Luigi Bavagnoli, assieme a Berry, prova a penetrare in uno dei chilometrici tunnel (chiamato il buco del diavolo) che potrebbero portare alla base eludendo le recinzioni. Sarà impossibile superare il lungo cunicolo, visto che una strettoia bloccherà loro l’accesso. Paola Barale si occupa di “Estumulazione”, recandosi nei pressi di Brindisi (a San Donaci), dove numerose salme del cimitero sono riportate alla luce mummificate, in maniera inspiegabile data la loro età. Assieme al custode della struttura Pompilio, l’inviata assisterà all’apertura di una bara dopo 40 anni. La persona presente all’interno si presenterà “corificata”, e cioè conservata nei tessuti che sono diventati cosi simili al cuoio, cosi come spiega il medico legale Giuliano Saltarelli. Ma il mistero non risolto è la crescita, nel cadavere, delle unghie e dei capelli. Ghezzi mostra invece la storia dell “equilibrista senza paura” (Eskil Ronningsbakken), col contributo del “ragazzo di gomma” Daniel Browning Smith. Le straordinarie capacità di Eskil gli permettono di spegnere la paura, cosi come mostrano le analisi scientifiche sul suo battito quando, sospeso a centinaia di metri, si cimenta in un gioco di equilibrio. Ma non sarà l’unico uomo dai “poteri speciali” della serata: Tim Cridland, infatti, è un ragazzo newyorkese che dimostra di saper resistere a dolori che farebbero impazzire qualunque persona, come aghi infilzati nel suo corpo e nelle sue braccia da parte a parte. Daniele Bossari, invece, è in trasmissione per documentare la “rappresaglia della valle del Dragone”, strage nazista di partigiani di cui racconta Ultimio Pagani, uno dei rappresentanti dei temerari antifascisti. E l’inviato di Mistero va a documentare proprio tra quei boschi, dove assieme al suo “ghost hunter team” si reca tra le rovine di Sant’Antonio, teatro dell’eccidio, a caccia di fantasmi. Assieme alla sensitiva Regina Sacchi, le ricerche porteranno ad alcuni edifici con probabili “infestazioni”. E a quanto emerge dalle analisi, alcuni fenomeni strani lasceranno perplessità, tra cui strani addensamenti dell’atmosfera visibili alle telecamere e alcune apparecchiature che vanno in crisi. Nella sua rubrica Pablo Ayo analizza tre filmati di ufo per decretarne o meno la loro veridicità. Mentre in due casi si tratta di mistificazione, un filmato proveniente dalla Francia, analizzato sotto tutti i punti di vista, ancora non trova spiegazione: si tratta dell’atterraggio di due velivoli, che per caratteristiche, velocità e direzione del volo, non hanno apparentemente eguali sulla terra.

Rachele Restivo è come sempre inviata a New York, per raccontare l’affascinante mente del visionario quanto controverso scienziato Nicola Tesla, dalle capacità quasi profetiche: inventore della corrente alternata, del codice binario, del telefono, delle porte logiche e pioniere della robotica, cadrà in disgrazia per le sue teorie sul “raggio della morte” e su altre invenzioni mai comprovate. Ma rimangono indimenticate le sue prime trasmissioni radio e la prima forma in assoluto di comunicazione senza fili. Continua alla pagina seguente.  

Jane Alexander approfondisce un caso di poltergeist in Italia, e racconta il più clamoroso aneddoto di tutti i tempi: quello di Einfield, nella quale una famiglia è stata teatro, per alcuni anni, di fenomeni paranormali da parte del presunto fantasma di un ragazzino di nome Bill. Adam Kadmon, nella sua rubrica, racconta la storia delle teorie di John Lenard Walson, un ragazzo che avrebbe scoperto delle navi spaziali aliene orbitanti attorno alla terra, ben nascoste e documentate da alcuni files che un hacker di sua conoscenza avrebbe trovato intrufolandosi nel Pentagono. L’altro ospite fisso della trasmissione, il consulente biometrico Daniele Gullà, mostra degli interessanti studi sul fantasma di “Azzurrina”, che si dice infesterebbe il castello di Montebello (Rimini). Infine, concludono la puntata alcuni filmati che trattano ancora una volta di Ufo.

Clicca qui per guardare il video Mediaset di Mistero con gli inquietanti avvistamenti sul Monte Conero e qui per il video sui cadaveri mummificati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori