FESTIVAL DEL FILM DI ROMA 2013/ La prova del nove per un concorso schizofrenico

- Emanuele Rauco

Prende il via oggi lottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, che durerà fino al 17 novembre. EMANUELE RAUCO ci offre una panoramica delle pellicole presenti

Muller_MarcoR439
Marco Muller (Infophoto)

Dopo un primo anno transitorio, Marco Muller è alla prova del nove con il Festival Internazionale del Film di Roma: potrebbe essere lultimo, ma di sicuro il direttore artistico cerca di far interagire le due anime della manifestazione, quella di festival che ricerca linguaggi, autori e parti del mondo sconosciute, e quella di festa, che attira il pubblico con film di ampio respiro e grandi nomi. Una schizofrenia addomesticata ma non domata, di cui il cinema ha bisogno, lha definita Muller, e questo è lottava edizione del festival, aperto da Lultima ruota del carro di Giovanni Veronesi e chiuso dal kolossal cinese The White Storm di Benny Chan.

Un concorso ricco di sguardi curiosi e affascinanti, che oltre i quattro film in lingua inglese già annunciati (Dallas Buyers Club, Her, Another Me e Out of the Furnace), allinea tre curiosi film italiani, tutte opere seconde: I corpi estranei di Mirko Locatelli, Take Five di Guido Lombardi e Tir di Alberto Fasulo, film che scavano il reale tra documento e romanzo, confermando una fortissima tendenza del nostro cinema, con cui anche il pubblico sta cominciando a fare i conti.

Interessante poi la poliedricità geografica dei film, con opere davvero da tutto il mondo e da ogni continente, con un occhio di riguardo per il Giappone di Kurosawa Kiyoshi (Seventh Code) e di Miike Takashi (The Mole Song), questultimo anche fuori concorso con il mediometraggio Blue Planet Brothers.

Ed è proprio il fuori concorso a riservare gioie ai cinefili di ogni tipo: The Hunger Games parte seconda per i teenager, i premi alla carriera a Tsui Hark e Aleksei German (questultimo postumo) con la presentazione dei loro ultimi film, e poi una serie di grandi chicche, da Il Paradiso degli orchi da Pennac a Las brujas de Zugarramurdi di Alex De La Iglesia, dal già cult Gods Behaving Badly (dei che si trasferiscono a Manhattan) a The Green Inferno di Eli Roth, da Davide Ferrario che con La Luna su Torino dà una sorta di seguito a Dopo mezzanotte ai Manetti Bros. di Songe Napule con il colpo dellatteso Snowpiercer, blockbuster dautore firmato a Hollywood dal grande sud-coreano Bong Joon-ho. E non manca nemmeno Wes Anderson, con un corto dal titolo Cavalcanti dedicato al grande regista inglese degli anni 40. Per tutti i gusti, e anche oltre.

Per i più curiosi poi cè CinemaXXI, la sezione del festival dedicata al cinema espanso, alle opere sperimentali e ai formati che oltrepassano le soglie del cinema convenzionale. Una sezione, figlia degli Orizzonti veneziani, che ha preso il posto degli Extra della gestione Detassis e che presenta un gruppo di film di vario metraggio lungo, medio e corto – che rappresentano lavanguardia del cinema contemporaneo. Apre Lamministratore di Vincenzo Marra, documentario di uno dei pionieri del nuovo cinema del reale italiano, e chiude The Seventh Walk di Amit Dutta, che sintetizza uno dei temi principali della sezione, quello del rapporto tra le arti come cinema, pittura e musica.

Caratteristica principale di questa edizione 2013 di CinemaXXI, che dà un senso all’utilizzo del Museo delle Arti del XXI secolo di Roma, è proprio l’intersezione di opere che con le arti e i linguaggi giocano, a partire dal presidente di giuria Larry Clark, fotografo prima che cineasta. Quasi tutti i registi che partecipano vengono dal teatro, dalle arti visive, dal cinema elettronico e condensano nel cinema queste esperienze: da Fear of Falling di Jonathan Demme (che terrà anche una masterclass) a Little Feet di Alexander Rockwell, da Racconti d’amore di Elisabetta Sgarbi aBeautiful New Bay Area Project di Kiyoshi Kurosawa.

Ampia la presenza italiana soprattutto nei corti e nei mediometraggi (selezionati da Paolo Moretti), segno evidente di una vitalità che nell’indipendenza trova un vero e proprio spiraglio di creatività, e da segnalare anche la celebrazione del centenario del cinema indiano. Una selezione ricchissima, come un vero e proprio festival a sé stante, dedicato a tutti gli spettatori curiosi di scoprire il cinema che non si vede da nessun’altra parte.

Amatissima sezione, sebbene collaterale, Alice nella città taglia il traguardo delle 10 edizioni: un numero importante che gli organizzatori della sezione parallela e autonoma del festival di Roma dedicata ai ragazzi sfruttano per rilanciarsi e rafforzare la propria identità pensando al futuro, a una manifestazione che non si concentri solo durante i 10 giorni di festival, ma che veda quei 10 giorni come punto d’arrivo di un percorso annuale. E nel pensare al rilancio, Alice nella città porta nove film in concorso, più due a sorpresa da annunciare, provenienti da ogni parte del mondo e attenti alle sensibilità cinematografiche della giovane età. Ad aprire la sezione, fuori concorso,Planes, il cartone animato Disney spin-off di Cars.

Tre i film italiani selezionati: due in concorso, Il sud è niente di Fabio Mollo, opera prima molto ben accolta al festival di Toronto, e Se chiudo gli occhi non sono più qui di Vittorio Moroni con Giuseppe Fiorello, e uno fuori, Il mondo fino in fondo, esordio di Alessandro Lunardelli con un cast ricco, da Filippo Scicchitano a Barbora Bobulova. Oltre a Planes, l’animazione ha sempre un ruolo importante, come dimostrano i due eventi in collaborazione con il festival, Futbolìn, del regista premio Oscar Juan Josè Campanella, e My Mommy Is in America, ma sempre agli amanti dell’animazione si rivolge Belle et Sébastien, tratto dall’omonimo anime anni ‘70/’80. Ma non mancano documentari d’eccezione come School of Babel di Julie Bertuccelli e Who Is Dayani Cristal? di Gael Garcìa Bernal. L’omaggio a un regista importante questa volta si dedica a Kore’eda Hirokazu, regista premiato a Cannes per Like Father Like Son che verrà presentato al pubblico assieme a I Wish.

Un programma ricco e schizofrenico, ma mai come stavolta l’aggettivo ha un sapore positivo e curioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori