IN ONDA/ Berlusconi: Monti ha detto una caz… La Ue non teme il mio ritorno (video)

- La Redazione

Monti, dicendo che l’Europa teme il mio ritorno, ha detto una grande cazta. Monti è la più grande delusione della mia vita, peggio di Fini e Casini”. Queste le parole di Berlusconi 

Berlusconi_2_439x302
Silvio Berlusconi (Infophoto)

In Onda, puntata del 10 febbraio 2013 (video) – Monti, dicendo che l’Europa teme il mio ritorno, ha detto una grande cazta. Monti è la più grande delusione della mia vita, peggio di Fini e Casini. Non conosce la realtà economica e ha fatto degli errori incredibili. Queste le parole di Silvio Berlusconi, ieri sera ospite di In onda su La7. Ai conduttori, i quali gli hanno poi fatto notare di aver detto una parolaccia, il Cavaliere ha risposto: Sì, se lo merita. E’ indecente l’avermi paragonato ad Achille Lauro – ha continuato lex premier parlando di Monti – Noi restituendo l’Imu non solo riavviciniamo gli italiani allo Stato, ma riattiviamo anche un circolo virtuoso sui consumi. Io chiedo agli italiani di darmi una maggioranza straordinaria – ha detto Berlusconi – In questo momento sono convinto di vincere le elezioni anche perché quando vado in giro per l’Italia c’è un entusiasmo incredibile, superiore a quello del ’94. Poi, riguardo leventuale reazione dei mercati allipotesi della restituzione dellImu, ha aggiunto: Non credo che possano reagire male a una misura come questa perché sanno che una simile misura può innescare un circolo virtuoso sull’economia. L’altra volta noi fummo aggrediti da una situazione che aveva diverse cause e concause. La cosa cominciò con il tradimento di Fini. Ad ogni modo i mercati vanno per la loro strada, non gliene importa niente di quello che succede al governo, e la prova sta nel fatto che Monti ha continuato a pagare sul debito gli stessi interessi che pagava il precedente governo. Berlusconi, tornando sui punti del suo programma elettorale, ha detto che l’attività di Equitalia ha fatto sentire lo Stato come un nemico e nel nuovo contratto con gli italiani metteremo non un condono, ma una regolamentazione che prendendo spunto dalla crisi ridurrà le sanzioni e cancellerà gli interessi, non le imposte perché non si può fare. Penso di rappresentare una situazione importante che riguarda il rapporto degli italiani con il fisco. Se un cittadino si trova a sbagliare qualcosa o un imprenditore è in difficoltà perché non trova i soldi per pagare il fisco, Equitalia arriva con multe, sanzioni, interessi enormi e ci sono imprese costrette a chiudere per colpa del fisco. Nel 2012, mille imprese al giorno sono scomparse. La proposta non è un condono sulle sanzioni, è una regolamentazione che, prendendo spunto dalla crisi, ridurrà le sanzioni e cancellerà gli interessi, non le imposte perchè non si può fare. Alla pagina successiva il video con le parole di Berlusconi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori