QUINTA COLONNA/ Ospiti: La Russa, Tosi, Santanchè e Pivetti. Puntata 29 aprile 2013

- La Redazione

Va in onda questa sera, lunedì 29 aprile 2013, una nuova puntata con lattualità di Quinta Colonna, condotta come sempre da Paolo Del Debbio su Rete 4. Le anticipazioni

quintacolonna_DelDebbioR439
Quinta Colonna

Va in onda questa sera, lunedì 29 aprile 2013, una nuova puntata con lattualità di Quinta Colonna, condotta come sempre da Paolo Del Debbio su Rete 4 alle 21:10. Governo, speriamo che me la cavo? è il tema centrale di questo nuovo appuntamento che, neanche a farlo apposta, va in onda proprio lo stesso giorno in cui la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica si sono riunite per votare la fiducia al nuovo governo guidato da Enrico Letta. Il presidente del Consiglio incaricato di formare il nuovo esecutivo dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha nominato nei giorni scorsi i 21 ministri che hanno successivamente prestato giuramento presso il Salone delle Feste del Quirinale. Proprio in quei minuti (senza dubbio altro cruciale argomento di discussione durante la puntata di questa sera), Luigi Preiti, calabrese di 49 anni, esplodeva diversi colpi di arma da fuoco nel piazzale antistante Palazzo Chigi nei confronti di due carabinieri, i quali sono rimasti feriti (uno in modo grave).

Paolo Del Debbio, nellappuntamento odierno di Quinta Colonna, dovrà moderare il dibattito tra gli ospiti che saranno presenti in studio o in collegamento video, vale a dire Ignazio La Russa, Irene Pivetti, Daniela Santanchè, Flavio Tosi e il presidente della Federconsumatori Rosario Trefiletti. Come sempre, nel corso della puntata, Quinta Colonna si collegherà con numerose piazza italiane per ascoltare lopinione della gente comune: in questo caso le telecamere Mediaset andranno a Cecina, in provincia di Livorno, e ad Amantea, in provincia di Cosenza.

Tema di indubbio interesse per la trasmissione di Del Debbio che si è sempre occupata dei costi della politica, saranno le parole pronunciate oggi nel suo discorso per chiedere la fiducia da Enrico Letta, il quale ha annunciato (pare allinsaputa dei suoi colleghi di governo) la prossima emanazione di un decreto per cancellare lo stipendio che i ministri solitamente incassano oltre a quello che percepiscono in quanto membro del Parlamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori