CHARLIE SHEEN/ L’attore americano: il mostro di Loch Ness ha paura di me

- La Redazione

Viaggio di ventiquattro ore da Los Angeles alla Scozia per trovare il famigerato mostro di Loch Ness. Lo ha fatto l’attore Charlie Sheen ed ecco il suo resconto dell’avventura

charliesheen_R439
Foto Infophoto

Basterebbe pensare ai tanti trascorsi – e guai – con l’alcol che hanno colpito l’attore americano per farsi una bella risata sulla sua ultima dichiarazione. Ma forse ci crede davvero, a quello che dice. Sta di fatto che Charlie Sheen aveva deciso di spendere qualcuno dei suoi molti soldi per un viaggio di 24 ore andata e ritorno in Scozia, obbiettivo vedere il famoso mostro di Loch Ness che in realtà nessuno ha mai visto, nonostante qualche foto dubbia. Insieme a lui due amici, l’ex star del baseball Todd Zeile e tale Brian Pekk. Arrivati sul posto direttamente da Los Angeles, hanno preso in affitto una barca e muniti di qualche bottiglia di buon whiskey scozzese sono partiti alla ricerca del mostro. Niente da fare: la ricerca è andata a vuoto, ma prima di tornare a Los Angeles Charlie Sheen ha voluto dare la sua versione dei fatti. Eccola: il mostro di Loch Ness non si è fatto vivo perché aveva paura di me. Ovviamente, ha spiegato non si sa dopo quante bottiglie di whiskey, il mostro chiamato Nessie è rimasto nascosto pieno di paura perché sapeva che non poteva reggere l’autentico mostro conosciuto nelle Highlands, nelle Lowlands, nelle Badlands: MaSheen! Contento lui…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori