NORD SUD OVEST EST/ Figli delle stelle di Alan Sorrenti nellultima puntata. 12 agosto 2013

- La Redazione

Nellultima puntata della trasmissione Nord Sud Ovest Est – Tormentoni on the road, andata in onda ieri, lunedì 12 agosto 2013, lincontro con Alan Sorrenti, autore di Figli delle stelle

nord-sud-ovest-est
Ieri ultima puntata di Nord Sud Ovest Est
Pubblicità

Nellultima puntata della trasmissione Nord Sud Ovest Est – Tormentoni on the road, andata in onda ieri, lunedì 12 agosto 2013, i conduttori Max Pezzali, Jake La Furia e Paola Iezzi sono alla ricerca delle ultime hit che hanno caratterizzato con il loro sound e il loro ritmo estati dagli anni Ottanta a oggi. A bordo del loro furgoncino vintage, i tre si dirigono dal cantante italiano Alan Sorrenti che nellestate del 1977 letteralmente spopolò con la canzone Figli delle stelle. Il pezzo riuscì a conquistare la vetta della hit parade nel giro di pochissimo tempo e, soprattutto, la mantenne per ben quattro mesi consecutivi. Come racconta lo stesso Max Pezzali, allepoca, soltanto un successo planetario come Stayin Alive cantato dai mitici Bee Gees, riuscì nellimpresa di detronizzare del primato Alan Sorrenti. A raccontare la storia di Alan Sorrenti cè anche un ospite di eccezione come Fiorello che parla di come ebbe inizio la carriera artistica del cantante e come, soprattutto, il genere musicale da lui trattato fosse molto differente da quello che invece si può riscontrare nella canzone Figli delle stelle, che di fatto lo ha reso celebre non solo in Italia ma anche in diversi paesi europei e non. Pezzali, parla anche di cosa è successo nel 1977 sempre nellambito musicale con lavvento della musica punk e di come a dettare legge ci fosse la disco music. In Italia, invece, ebbe un grande successo la canzone Dammi solo un minuto, interpretata dai Pooh. Rimanendo in tema di Disco Music, viene mandato in onda un servizio nel corso del quale si ripercorre un po la storia di questo genere di come sostanzialmente nel nostro Paese abbia avuto successo grazie allascesa di Bee Gees.

Pubblicità

Mentre a bordo del loro furgoncino si avvicinano sempre di più allincontro con Alan Sorrenti, Pezzali e Jake La Furia ricordano come il 1977 fu anche lanno nel corso del quale uscì il primissimo episodio della saga di Guerre Stellari, meglio conosciuta come Star Wars. Finalmente, dopo un intenso cammino i tre si ritrovano in compagnia di Alan Sorrenti ai bordi di una bellissima piscina. Il cantante racconta come nacque la canzone Figli delle stelle, e nello specifico come una volta tornato in Italia da un viaggio allestero alla ricerca di nuovi sound scrisse il pezzo basandosi sulla considerazione di come tutti gli uomini avessero in comune il fatto di appartenere alluniverso. Poi parla del suo principale competitor a livello italiano, ossia di Umberto Tozzi, che proprio dal 1977 in poi sfornò una serie incredibili di successi come il brano Ti Amo, Gloria e Tu. Successi che, come viene ricordato in un filmato, sono stati di livello internazionale. Sorrenti, prima di congedarsi, parla di come sia necessario, per creare un tormentone estivo, generare un sound piuttosto ritmato basato su una sola idea da ripetere più volte.

Pubblicità

Prima di dare vita a una sorta di replica dei tormentoni già proposti nelle altre puntate della trasmissione, viene mandato in onda un servizio in cui si parla di quelli che sono i tormentoni di questa estate 2013 come il pezzo dei Daft Punk e quello del vincitore dellultima edizione del talent Amici, il rapper Moreno. Il primo tormentone a essere riproposto è quello di Sabrina Salerno, Boys. Viene mandato in onda un video nel quale viene raccontata in maniera sommaria la carriera della cantante italiana e di come il suo pezzo era tra i migliori tre nella classifica inglese dellepoca al fianco di veri mostri sacri della musica come Michael Jackson e Madonna. Inoltre, viene ricordato come la grande antagonista di Sabrina Salerno fosse Samantha Fox non solo da un punto musicale e come lanno del successo di Boys, ossia il 1987, fu quello di alcuni storici telefilm italiani come I ragazzi della terza C e Professione Vacanze con Jerry Calà. I tre conduttori incontrano Sabrina Salerno a bordo di una piscina, con la cantante che racconta di come quello straordinario successo ottenuto nel 1987 arrivò in maniera del tutto inaspettata e di come fu incredibile anche allestero, in particolare in Spagna.

Dopo questo momento dedicato all’incontro e al tormentone “Boys” di Sabrina Salerno viene mandata in onda una clip nella quale si parla dei tantissimi successi ottenuti dallo stesso Max Pezzali e ovviamente dagli 883, come “Hanno ucciso l’uomo ragno”, “Nord Sud Ovest Est” e tanti altri. Si passa quindi a rivedere l’incontro con un altro artista autore di un grande tormentone estivo. Si tratta di Ivana Spagna che spopolò con la canzone “Easy Lady” non solo in Italia ma in buona parte d’Europa, vendendo oltre due milioni di copie. Viene raccontata la storia della cantante e di come questo straordinario pezzo fu prodotto da lei stessa dando fondo ai tutti i propri risparmi dell’epoca e di come inizialmente venisse distribuito e quindi venduto di discoteca in discoteca. Si parla di quella che era un po’ la moda degli anni Ottanta che vedeva i cantanti italiani, soprattutto quelli emergenti, proporre i propri pezzi in inglese come nel caso per l’appunto di Ivana Spagna oppure di Raf che nel 1983 si impose con la canzone “Self Control”. L’ultima parte del programma è invece dedicata al tormentone “Viva la mamma”, firmato Edoardo Bennato. Il successo di questo pezzo fu davvero straordinario, tant’è che in Italia gli consentì di avere la meglio su brani di caratura internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori