LIFE – UOMO E NATURA/ Vincenzo Venuto alla scoperta del Sahara. Puntata 19 settembre 2013

- La Redazione

Su Rete 4 terza puntata di Life – Uomo e natura, con Vincenzo Venuto. Tra gli argomenti della serata il deserto del Sahara e i ghiacciai dellAlaska

vincenzo_venuto_439
Vincenzo Venuto

Questa sera, giovedì 19 settembre, su Rete 4 va in onda la terza puntata di Life – Uomo e Natura, con Vincenzo Venuto che prosegue il viaggio nella natura più sorprendente del nostro pianeta.  Al centro del nuovo appuntamento con Life – Uomo e natura, che mostra i doc-evento firmati Bbc e Discovery, ci sarà il deserto del Sahara, simbolo dellAfrica più selvaggia, con le sue tracce di vita preistorica. Il deserto del Sahara è il più vasto deserto caldo della Terra, con una superficie di 9.000.000 chilometri quadrati. Il Sahara si estende dall’Oceano Atlantico al Mar Rosso per una lunghezza di circa 5.000 chilometri, con l’unica interruzione della Valle del Nilo, e per una larghezza quasi 2.000 chilometri dal Mediterraneo fino alle regioni centrali dell’Africa. Il Sahara non ha un aspetto uniforme, si identificano infatti tre diversi tipi di paesaggio: l’hammada, deserto di roccia nuda, il serir, formato da uno strato di ciottoli e ghiaia, e l’erg, formato dalle caratteristiche dune di sabbia.

Dal deserto si passerà ai ghiacciai  sterminati dellAlaska e alla lotta per la supremazia nel regno dei predatori, con strategie e tecniche che cambiano da specie a specie, ognuna a modo proprio sorprendente.

Per finire verranno presentati due recordman legati al mondo dellimmersione. L’austriaco Herbert Nitsch, campione mondiale di apnea, è in grado di non respirare per nove minuti. Nitsch detiene il record mondiale per tutte le otto discipline di immersione in apnea riconosciute dall’AIDA International. detentore  del record, nel 201, di immersione nella specialità No-Limits, con l’incredibile profondità di -244 metri. Wim Hof, detto luomo di ghiaccio, è capace di resistere unora, 43 minuti e 48 secondi in una vasca riempita di cubetti di ghiaccio. Inoltre nel 2011 ha corso una mezza maratona invernale nei pressi del Circolo Polare Artico, in Finlandia: la temperatura del suolo era prossimo a -35 e Wim ha corso scalzo e indossando solo un paio di pantaloncini, temperature simili a quelle del lato Nord dellEverest. Win Hof  possiede almeno 9 record del mondo grazie alla sua incredibile resistenza alle basse temperature.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori