Lite Santoro-Travaglio/ Pace fatta dopo la puntata di Servizio Pubblico?

- La Redazione

Fabio Franceschi, azionista de Il Fatto Quotidiano, ha dichiarato che tra Michele Santoro e Marco Travaglio sarebbe scoppiata la pace. Ma qualche sospetto è lecito farselo venire.

marcotravaglio
Marco Travaglio

Ricordate l’incidente di giovedì scorso a Servizio Pubblico, con Marco Travaglio che ha abbandonato la diretta tv per un piccolo litigio con Michele Santoro in quanto avrebbe insultato il governatore della Regione Liguria Burlando? Ebbene sarebbe pace fatta fra i due. A dirlo Fabio Franceschi, azionista de Il Fatto Quotidiano e amico di entrambi a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. “Diciamo che c’è stato un piccolo battibecco, sono due caratteri un po’ spigolosi, purtroppo quella serata era una serata un po’ difficile. Stimo Marco, perché penso che sia uno dei più grandi giornalisti. E con Santoro non si può discutere, lo sappiamo tutti quanto è difficile“. Travaglio, qualche ora dopo aveva scritto un editoriale in cui spiegava di non essere una foca ammaestrata. Il giorno dopo, però, il condirettore del Fatto aveva scritto un altro editoriale per chiedere a Santoro se “c’è ancora giornalismo nei talk“. Il sospetto è che comunque ci potrebbero essere state delle ripercussioni sul futuro del programma. Servizio Pubblico è realizzato da una società che gestisce al 30 per cento il programma del giovedì sera della ex rete Telecom e che fa capo al Fatto Quotidiano, di cui Travaglio è condirettore. Che la pace sia stata in qualche modo condizionata? Del caso ha parlato anche Urbano Cairo, proprietario di La7, a Repubblica: Travaglio è molto bravo a fare le domande. Ma è giusto che anche a lui possano fargliene“. Sul fatto che la coppia starebbe scoppiando a causa di Beppe Grillo, Cairo replica: “A me non risulta. Una così rodata coppia televisiva non credo scoppierà per un diverso modo di vedere la politica grillina. Comunque io non intervengo sulla linea politica“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori