Francesco, anticipazioni seconda puntata e cronaca prima: i francescani in viaggio verso Roma‏

- La Redazione

Questa sera su Rai 1 va in onda la fiction in due puntate “Francesco”. Vediamo le anticipazioni sulla miniserie diretta da Liliana Cavani, che torna quindi a parlare del Santo di Assisi

francesco-cast_R439
Francesco, la miniserie

La seconda e ultima puntata della fiction Francesco andrà in onda domani sera martedì 9 dicembre alle 21.10 su Rai 1. Dopo gli avvenimenti narrati durante la prima puntata, Francesco fonderà la Fraternitas di cui fece parte il cosiddetto ‘capitolo delle stuoie’ quando, in delle capanne costruite con le stuoie, accorrevano giovani da tutti i luoghi per ascoltare la parola di Francesco, l’uomo di Dio. L’uomo partirà alla volta della Terra Santa, dove si combatte la quinta tragica Crociata, la guerra tra cristiani e musulmani per la conquista del territorio. In questo luogo, l’incontro del poverello di Assisi con Al Malik-Al Kamil diventerà il simbolo dell’unione tra due uomini che rappresentano culture e religioni differenti, con lo scopo unico di fermare la guerra. Dopo questo incontro, Francesco tornerà ad Assisti dove si rifiuta di scrivere “una regola” sostenendo che l’unica regola da seguire è il Vangelo. Solo quando sarà Papa Innocenzio a fare richiesta della scrittura, Francesco deciderà di scriverla. Nell’ultima parte della puntata, verrà, infine, narrata la morte del Santo che lascerà la sua eredità a Chiara ed Elia.

I francescani decidono di dividersi e di partire in viaggio per diffondere il loro messaggio. “Amate i vostri nemici”, “Benedite chi vi maledice”, decanta Francesco usando le parole del Vangelo per dissuadere i perugini da una nuova guerra. Urla, spintoni e pugni: è questa la reazione iniziale dei suoi “fratelli”. Anche se non facile Francesco invita i suoi compagni a non reagire alla violenza poichè essa è simbolo di paura. Li raggiunge Elia che gli comunica il successo tra i giovani ma anche la preoccupazione del vescovo circa un’accusa di eresia che si fa sempre più insistente. La chiesa teme le libertà e le libere opinioni. Elia gli suggerisce di andare a Roma per avere un permesso dal padre e vivere liberamente il Vangelo, una volta riconosciuti dal Vaticano come un ordine. Chiara lo invita a non avere paura. Le donne però non potranno partecipare alla “spedizione” verso Roma. Al loro arrivo Francesco parlerà al Papa della “Signora povertà” e gli chiede di autorizzarli a vivere il Vangelo alla lettera seconda la fratellanza di tutte le creature di Dio. “L’acido si combatte con l’acido”, afferma il Papa ma Francesco lo contraddice e per questo viene allontanato. Quando il Papa apprende che Francesco ha restaurato da solo una chiesa lo fa rientrare per comprendere meglio il suo pensiero. Il santo sostiene di essere innamorato di Dio e di vederlo in tutte le persone che incontra. Queste parole convincono il Papa a dargli la sua fiducia. Con grande soddisfazione i francescani rientrano ad Assisi convinti che da questo momento in poi avranno meno difficoltà ad essere accettati. Non hanno tutti i torni. Sono in centinaia a mettersi in cammino per conoscere Francesco e seguirlo ma lui è quasi restio ad essere venerato e bloccato dall’entusiasmo della folla. Così fugge via nonostante l’incoraggiamento di Elia.

Le donne in paese iniziano a fare strane illazioni sulla frequentazione di Chiara con i francescani e le danno della pazza. Francesco e i suoi si adoperano per guadagnarsi il pane e portare conforto ai più poveri. Il fratello tenta di convincere Chiara a cambiare idea minacciandola di tagliarla fuori per sempre dalla sua famiglia ma la donna non demorde e prosegue il suo cammino religioso. Francesco invoglia gli altri francescani ad andare in chiesa per parlare a tutti i fratelli e sorelle di Assisi e a diffondere il loro messaggio. La folla è scettica, specialmente quando vede arrivare Pietro spogliato delle loro vesti. Nel momento di maggiore sconforto, quando tutti danno al suo compagno dell’ “eretico”, Francesco arriva con la croce in spalla per parlargli della sofferenza e dell’amore di Cristo nostro Signore. Le sue parole colpiscono nel segno e proprio per questo nella chiesa si crea una baruffa tra i fedeli e i francescani.

Davanti al vescovo il padre accusa duramente Francesco mentre Elia difende il ragazzo. “La chiesa di San Damiano era sul punto di crollare e dentro c’era un’immagine di Cristo crocifisso”, con queste parole si giustifica Francesco rifiutando tutto il patrimonio offertogli dal padre dichiarando che fosse per lui darebbe via tutto. Il padre è scioccato e rinuncia all’aiuto del vescovo. Elia sostiene che c’è un evidente malinteso tra padre e figlio e lo sollecita a chiedere perdono. Lui si rifiuta e il padre decide di privarlo di tutti i suoi averi e i suoi diritti familiari. Mentre Elia tenta di accordarsi con la controparte Francesco si spoglia nudo e restituisce i panni che ha indosso al padre sostenendo che da quel momento in poi potrà rivolgersi soltanto “al padre nostro che sei nei cieli”. Elia non ci capisce più niente intanto in paese i suoi amici lo acclamano per la sua decisione di rinunciare a tutti i suoi averi. Altri ragazzi lo prendono in giro e lui viene difeso dal padre che lo implora di accettare il suo denaro. Lui lo accarezza e va via arrecandogli un gran dolore. Anni dopo, Santa Chiara tenterà di convincere Elia a sposare la sua causa e di sostenere lei e le sue sorelle che vogliono perseguire la strada di Francesca dinanzi al Papa. Torniamo all’età di Francesco quando diversi fratelli decisero di seguirlo e di abbracciare una vita fatta di povertà e carità. Chiara è la prima donna ad unirsi ai suoi discepoli. Gli altri non sono inizialmente contenti di accogliere una donna ritenendola non adatta a vivere una vita di stenti. Chiara chiede loro di lasciarla libera di scegliere per sè. Francesco è dalla sua.

Francesco inizia a fare lunghe passeggiate nei boschi, solo a contatto con la natura. Durante una passeggiata in compagnia di Elia, Francesco ha la chance di abbracciare e chiedere perdono al lebbroso che aveva scacciato malamente. Tutto nacque da quel momento a cui tutti assistevano sbigottiti, tratta Chiara felice della conversione al Cristianesimo di Francesco. La voce è già arrivata al padre che gli chiude in faccia la porta di casa spaventato dall’avventatezza del figlio che ha messo in pericolo la sua vita e quella degli altri. Francesco non si scoraggia e torna nei boschi per rimettere in sesto una piccola cappella abbandonata. Durante la notte viene riportato a casa da alcuni mandanti del padre. Quest’ultimo è preoccupato per il figlio che veste come un poveraccio e non è interessato al dolore. Elia gli chiede di non prendere a calci la sua fortuna ma Francesco dice di non amare il denaro. Il padre, irritato dalla sua testardaggine, lo tiene prigioniero in cantina. Il ragazzo non si da pace per le condizioni schiavizzanti in cui lavorano gli operai del padre. Distribuisce le vesti pregiate del padre ai lebbrosi e si dedica ai più deboli. Elia è indignato dal suo atteggiamento perchè non crede che i bisognosi meritino tutte queste attenzioni, poveri e sporchi come sono. Il padre non gradisce il modo in cui il figlio sperpera il suo denaro e minaccia di denunciarlo al tribunale civile. Elia gli consiglia di chiedere di essere giudicato dal vescovo il modo da ricevere l’appoggio della chiesa.

Il benestante padre di Francesco consegna ad Elia i soldi necessari per farlo uscire di prigione ma nel frattempo Francesco trova sollievo nella preghiera conservata nella tasca di un suo compagno prigioniero che muore tra le sue braccia. Il padre vuole festeggiare la sua salvezza ma lui non ha nessuna intenzione di celebrare. Francesco torna in città dopo la prigionia ma qualcosa è cambiato nel suo animo. Il ragazzo comincia a maldigerire i soprusi e le ingiustizie ai danni dei più deboli. Il racconto procede per flashforward e flashback. Anni dopo la morte di Francesco, Chiara dell’ordine dei francescani, si batte con lo sciopero della fame perchè il padre possa consentire anche alle suore di seguire la sua regola. Elia non è d’accordo. Si torna agli anni della giovinezza quando proprio Chiara, all’epoca poco più di una ragazzina, era già una fervente credente e gli prestò la sua copia del Vangelo. Francesco decide di ripartire per la guerra pur di non restare ad Assisi a fare l’esattore come gli ordina il padre. Un giorno, mentre si immerge nel fiume per fare un bagno, incontra un lebbroso che lo implora di dargli qualcosa da mangiare. Francesco lo scaccia via in malo modo ma, impietosito dalle condizioni di salute dell’uomo, gli da dei soldi. Intanto continua diligentemente a studiare il Vangelo assumendo una diversa consapevolezza della sua vita. Fa dietrofront e torna a casa dai suoi. Niente guerra. Vende la sua armatura ad un compagno e rientra ad Assisi. Il padre è indignato dal suo comportamento mentre lui si difende dietro la volontà di Dio. La madre è più comprensiva mentre il padre pretende che il figlio lavori per restituirgli fino all’ultimo centesimo di quanto gli è costata la sua dipartita dal campo di battaglia.

Ci siamo. Francesco ha inizio con il protagonista intento ad esercitarsi nei combattimenti. Ad interromperlo è Elia, il suo professore di Latino, appena tornato dall’Università di Bologna. E’ proprio ad Elia che spetta il compito di raccontare la storia di Francesco. Siamo nel 1154 e si combatte la guerra tra Assisi e Perugia ovvero tra Guelfi e Ghibellini. Tanti suoi compagni muoiono mentre lui si salva. Perugia vince la guerra e lui viene fatto inizialmente schiavo.

Questa sera andrà in onda su Rai1 il primo appuntamento con la miniserie Francesco, ispirata alla vita del Santo d’Assisi, trasposizione diretta per la terza volta dalla regista Liliana Cavani. Si tratta di una co-produzione internazionale a cui ha partecipato anche la casa di produzione di Claudia Mori, moglie di Adriano Celentano. Un mix di attori nostrani e stranieri proverà a dare vita nel giorno dell’Immacolata ad uno dei santi più amati che ha dato anche il nome al nuovo Papa. Clicca qui per vedere la diretta streaming video di Francesco su Raitv 

In attesa della prima puntata della miniserie Francesca, vi riproponiamo la nostra intervista in esclusiva a Giselda Volodi che nella fiction interpreta la madre del santo d’Assisi. Per leggerla cliccate qui. L’attrice ci ha confidato che è stato un immenso piacere vestire i panni di una donna così semplice che, nonostante fosse ricca, ha accettato la scelta del figlio di sposare la povertà. Ha dichiarato inoltre di aver avuto un ottimo rapporto sul set con la regista Liliana Cavani e l’attore italiano Vinicio Marchioni e che ha apprezzato l’opportunità di lavorare con interpreti stranieri.

Stasera, su Rai 1, andrà in onda la prima puntata della miniserie Francesco, diretta in due appuntamento da Liliana Cavani, che racconta la storia e la vita di San Francesco d’Assisi, insieme anche a quella degli amici Chiara ed Elia. Mateusz Kosciukiewicz, attore di origini polacche, interpreterà Francesco, Vinicio Marchioni sarà Elia e Sara Serraiocco prenderà le vesti di Chiara. La Rai ha rilasciato il video di anticipazioni (clicca qui per vederlo), che mostra alcuni momenti della vita del Santo, che scopre il suo Amore per Gesù e per il Vangelo e ha i primi contrasti con suo padre proprio a causa del rifiuto che lui ha nei confronti del patrimonio di famiglia.

Stasera, lunedì 8 dicembre, e domani, martedì 9 dicembre, Rai Uno propone la miniserie “Francesco”, di Liliana Cavani. È la terza volta che la regista rilegge la figura del poverello di Assisi. La prima volta nel 1966 con “Francesco d’Assisi”, protagonista Lou Castel, e poi nel 1989 Mickey Rourke era il suo “Francesco”. In questa nuova miniserie, Liliana Cavani racconta i tre periodi fondamentali della storia di Francesco, sempre affiancato da Chiara ed Elia da Cortona: «Il “Francesco” proposto in questo lavoro oltre ad avere il supporto di nuove e più vaste fonti storiografiche, è raccontato anche attraverso il rapporto umano che Francesco ebbe con le due persone che più di altre furono significative», ha detto la Cavani nella nota di regia. Il racconto percorre vari periodi della vita del santo: la giovinezza, la prima conversione nel 1206, il processo che gli infligge il padre, la nascita della Fraternitas, la partenza per la Terrasanta, la scrittura delle regole e la morte, fino al problema dell’eredità del suo messaggio. Francesco è interpretato dal giovane attore polacco Mateusz Kosciukiewicz. Mentre Sara Serraiocco e Vinicio Marchioni sono, rispettivamente, Chiara ed Elia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori