30 GIORNI DI BUIO/ Il film horror con Josh Hartnett e Melissa George

- La Redazione

Nella prima serata di oggi, mercoledì 5 marzo, Iris propone il film “30 Giorni di Buio” (Thirthy Days of Night), pellicola del 2007 tratta dal fumetto omonimo di Steve Niles. La trama.

30giorni_film_r439
Una scena del film (InfoPhoto)

Nella prima serata di oggi, mercoledì 5 marzo, Iris propone il film “30 Giorni di Buio” (Thirthy Days of Night), pellicola del 2007 tratta dal fumetto omonimo di Steve Niles. La trama ci porta a Barrow, un villaggio dell’Alaska, dove durante l’inverno il sole non sorge per un mese, quindi molti abitanti partono per tornare solo dopo 30 giorni. Non sanno però che qualcuno li sta osservando da un’altura vicina. E’ uno straniero (Ben Foster) che, non appena gran parte della popolazione se n’è andata, inizia a compiere sabotaggi danneggiando i sistemi di comunicazione, rubando gran parte dei telefoni satellitari e uccidendo tutti i cani da slitta. Lo sceriffo Eben Oleson (Josh Hartnett), con il suo vice Billy (Manu Bennett), inizia a indagare. Intanto lo straniero si reca alla tavola calda del paese e dà in escandescenze parlando di un fantomatico gruppo che sterminerà la popolazione. Lo sceriffo lo conduce in camera di sicurezza, ma un improvviso black out colpisce la cittadina ed Eben, insieme alla moglie Stella (Melissa George), si reca alla centrale elettrica dove scoprono che il custode è stato ucciso e l’impianto è stato sabotato. Consapevoli che una grave minaccia incombe sulla comunità, i due avvertono i i pochi cittadini rimasti di armarsi e di rimanere chiusi in casa. Il pericolo non tarda a manifestarsi: un gruppo di zombie/vampiri è giunto via mare nella località, accompagnato dallo straniero, e ha intenzione di trascorrere il mese di buio nutrendosi del sangue degli abitanti. Il gruppo di non morti è guidato da Marlow (Danny Houston), che non esita a ordinare ai suoi di stanare gli abitanti per cibarsene. Molti vengono catturati e anche lo sceriffo e la moglie corrono il rischio di essere presi, se non intervenisse il loro amico Beau (Mark Boone Junior) con uno spazzaneve. I pochi superstiti di Barrow si ritrovano alla tavola calda ma lo sceriffo decide che il luogo non è abbastanza sicuro, perciò si rifugiano in una soffitta. Dopo alcuni giorni scorgono per strada una ragazza, loro concittadina, che sta camminando per strada cercando aiuto: è chiaro che viene usata come esca dai vampiri, ma Eben prova ad avventurarsi all’esterno per aiutarla. Non arriva in tempo perché perché i vampiri la uccidono, anche se lui riesce a mettersi in salvo nascondendosi. Scopre però un suo amico nascosto nell’intercapedine di una casa, ma l’uomo è stato morso e Eben non esita a ucciderlo. Dopo oltre una settimana di permanenza nella soffitta, il bisogno di viveri spinge gli uomini ad avventurarsi all’emporio, ma qui vi trovano una bambina trasformata in vampiro.

Dopo aver raccolto un po’ di scorte alimentari, lo sceriffo decide che è ora di cambiare nascondiglio. Perché il trasferimento dei superstiti avvenga senza problemi, lui e Beau decidono di creare un diversivo facendosi inseguire dai mostri. Il trasloco alla stazione di polizia avviene senza problemi, ma Eben e Beau vengono braccati e quest’ultimo viene ucciso. Trascorrono un paio di settimane, poi dalla casa vicina i sopravvissuti vedono qualcuno fare dei segnali: è il vicesceriffo Billy, sotto shock perché ha dovuto uccidere moglie e figlia ormai contagiate. Unitosi al gruppo di Eben, partecipa al trasferimento al centro di controllo degli oleodotti, dove c’è ancora l’energia elettrica. Durante la marcia di spostamento un vampiro li segue e Billy ed Eben lo affrontano per permettere agli altri di mettersi in salvo, Billy però viene morso e lo sceriffo è costretto a ucciderlo. Poiché sono le ultime ore di buio, i vampiri vogliono incendiare la cittadina per nascondere le prove dell’eccidio, ma Eben escogita un modo per fermarli, anche se deve sacrificare la propria vita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori