BUONA GIORNATA/ Su Canale 5 il film di Vanzina con Christian De Sica e Lino Banfi

- La Redazione

Su Canale 5 stasera va in onda Buona giornata, film a episodi diretto da Carlo Vanzina e con Lino Banfi, Diego Abatantuono, Christian De Sica e Vincenzo Salemme

desica_christian_r439
Foto: InfoPhoto

Su Canale 5 stasera, martedì 29 aprile, va in onda Buona giornata, film a episodi diretto nel 2012 da Carlo Vanzina e con Lino Banfi, Diego Abatantuono, Christian De Sica, Vincenzo Salemme e tanti altri. La trama racconta una sola giornata vissuta però da sette personaggi diversi: il primo è Leonardo Lo Bianco (Lino Banfi), un parlamentare sul quale grava l’accusa di corruzione. L’unico modo di evitare l’arresto è spingere tutti i colleghi di partito a partecipare alla votazione in Senato che deciderà le sue sorti, a costo di costringere uno di loro, reputato morto dopo un bollente incontro con un transessuale, a uscire allo scoperto. Ascanio Cavallini Gaetani (Christian De Sica) è invece un nobile ormai in fase di decadenza, che però cerca di mascherare le sue precarie condizioni economiche ostentando un tenore di vita elevato che però è finanziato dall’affitto della residenza di famiglia per delle fiction cinematografiche. Un espediente che infine si rivelerà inutile, spingendolo a trasferirsi in campagna. Non avrebbe bisogno invece di queste soluzioni Alberto Dominici (Maurizio Mattioli), un facoltoso imprenditore che è allo stesso tempo un evasore totale. Messo al corrente di una imminente ispezione della Guardia di Finanza, cerca di distruggere ogni prova in grado di testimoniare le sue frodi fiscali, tallonato da un segretario non molto furbo, Settimio (Gabriele Cirilli). Una volta assolto questo compito, svuota la sua faraonica residenza per farla sembrare destinata a uno zio sofferente di Alzheimer e invia lo yacht a Montecarlo. Sarà il figlio ainguaiarlo, presentandosi con una Ferrari e mettendo involontariamente al corrente i finanzieri del reale stato del genitore. Anche Luigi Pinardi (Vincenzo Salemme) non ha eccessivi problemi economici: facoltoso notaio napoletano, decide di approfittare dell’assenza della famiglia per concedersi un incontro galante con Svetlana (Daria Baykalova), una conturbante escort russa durante il quale viene però sorpreso dalla consorte, rientrata in anticipo. Dopo aver cercato di spacciare la escort per il frutto di una relazione avuta da giovane a San Pietroburgo e aver dovuto corrompere il figlio, il quale ha invece capito tutto, il notaio sarà smascherato durante una festa nella quale, però, anche le infedeltà della moglie vengono alla luce.

Meno fortunato è invece Romeo Telleschi (Diego Abatantuono), un milanese che si è stabilito a Monopoli dopo essersi sposato. Nella vita fa il rappresentante di domotica senza eccessiva fortuna, tanto da essere costretto a cercare in ogni modo di far quadrare i precari conti, trascurando al contempo la sua vita familiare. Milanese di adozione è invece Rosaria Micciché (Teresa Mannino), affermata manager originaria di Lampedusa che ha una serie di fisse di cui non riesce a fare a meno, come il salutismo, la puntualità e l’alta tecnologia. Il suo viaggio dal capoluogo lombardo a Roma si tramuta però in una odissea a seguito della quale smarrisce i documenti, il personal computer e il cellulare. Arrivata nella capitale, si reca dalla polizia ferroviaria al fine di riavere il tutto, ma il suo aspetto assolutamente trasandato convince la stessa che si tratti di una clandestina, tanto da spedirla in Tunisia. L’ultimo personaggio è un acceso tifoso della Fiorentina, Cecco (Paolo Conticini), il quale segue le vicende della sua squadra dando vita a continui rituali scaramantici. I protagonisti di questi avvenimenti, a eccezione di Alberto e Cecco, si incontreranno qualche tempo dopo in una trasmissione, I soliti ignoti, nella quale Rosaria deve cercare di indovinare le professioni dei suoi interlocutori.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori