ELENA DI CIOCCIO / Dopo la riuscita imitazione di Antonella Ruggiero, come se la caverà con Ivana Spagna? (Tale e Quale Show 2015, puntata 2 ottobre)

- La Redazione

Elena di Cioccio ha vinto la scorsa puntata del programma con la sua imitazine di Antonella Ruggiero. Come andrà oggi con Ivana Spagna? (Tale e Quale Show 2015, puntata 2 ottobre)

Elena_Di_Cioccio_Tale_quale_show
Elena di Cioccio
Pubblicità

Continua a riscuotere successo la quinta edizione di Tale e Quale Show, il varietà di Rai 1 condotto da Carlo Conti e ispirato al format spagnolo “Tu cara me suena”. Andrà in onda questa sera una nuova puntata alla quale parteciperà ancora una volta Elena di Cioccio. In attesa di scoprire come se la caverà oggi nei panni di Ivana Spagna, vediamo cosa le è successo nello scorso episodio.

Venerdì è andata in onda la terza puntata di questa stagione: ospite della serata è stato l’attore e regista lucano Rocco Papaleo. Che fosse garanzia di successo negli ascolti lo si era capito già da tempo, ma che riuscisse a catturare e a mantenere costante l’attenzione di quasi 5 milioni di telespettatori era difficile pronosticarlo. Perchè si sa, a volte il “dejà vu” stufa, annoia, e il pubblico a casa preferisce esplorare nuovi orizzonti televisivi. Non è il caso, questo, di “Tale e Quale Show” che, arrivato ormai al quinto anno di messa in onda, sembra non risentire della sindrome da zapping: da buon padrone di casa, Carlo Conti diverte e si diverte con concorrenti e ospiti, Loretta Goggi è la giudice dal cuore buono, sempre pronta a sfornare complimenti, Gigi Proietti (new entry al posto di Christian De Sica) deve ancora prendere confidenza con il meccanismo di valutazione e i siparietti di Claudio Lippi alleggeriscono decisamente lo spirito da competizione tra i concorrenti.

Pubblicità

Tra gli artisti in gara continua a destare enorme curiosità la bionda Elena Di Cioccio, vincitrice della prima puntata con un’interpretazione da capolavoro di Antonella Ruggiero in “Vacanze Romane” e decima nella seconda nelle vesti dell’energica Irene Grandi in “Se mi vuoi”, in coppia con Sergio Friscia nei panni di Pino Daniele. Dal panorama musicale italiano si è poi passati a quello internazionale: la Di Cioccio si è infatti cimentata con Veronica Ciccone, alias Madonna, e la sua “Like a Virgin”. Un compito doppiamente arduo per la bionda attrice milanese, ex “Iena” e figlia del batterista della Premiata Forneria Marconi, che si è dovuta districare tra il canto in inglese e la coreografia studiata col maestro Fabrizio Mainini. Look total white, bouquet in mano, stivali scintillanti e due ballerini ai suoi lati: la Di Cioccio è salita sul palco carica e decisa a dare il meglio di se stessa, ma l’esito della sua performance è stata al di sotto delle aspettative, soprattutto per un giudice.

Pubblicità

E’ l’ironico Papaleo a ricordare cosa successe nella passata stagione, quando a Veronica Maya, proprio nelle vesti di Madonna, fuoriuscì il seno e fu costretta a ripetere la performance daccapo. La Goggi ha apprezzato il fatto che l’esibizione sia stata accompagnata dal ballo, giudicato più “completo” e “ricco”, e ha sottolineato come ci fosse una netta differenza nel timbro della voce poiché, la Madonna degli anni Ottanta, aveva un suono più nasale. Per Proietti, la Di Cioccio è stata brava ad imitare perfettamente la tonalità della cantante statutinese ma, in certi punti, ha perso l’intonazione anche a causa della coreografia. Un’imitazione che richiedeva tanto impegno e bravura e i 25 punti finali assegnatele dai giudici non sembrano convincere pienamente la Di Cioccio.

Pronti, via, si riparte con una nuova performance. Con Madonna non è andata come ci si aspettava, la Di Cioccio ha subito l’occasione per rifarsi con Ivana Spagna, artista camaleontica dalla grinta e dal carisma da leonessa. Grazie a più di 10 milioni di dischi venduti a livello mondiale, la Spagna è una delle cantanti italiane più conosciute in giro per il mondo, e i suoi oltre 40 anni di attività sono la conferma di una carriera che non accenna a fermarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori