LA PROVA DEL CUOCO/ Le ricette: il raviolone rosso ripieno, la bistecca “Bice” e la sbrisolona salata

- La Redazione

Nuove appetitose ricette a La prova del cuoro, il programma condotto da Antonella Clerici: si va dai ravioloni rossi ripieni alla sbrisolona salata passando per la bistecca alla Bice

la-prova-del-cuoco
La prova del cuoco: estrazione di Lotteria Italia

La prima ricetta proposta nella puntata de La Prova del Cuoco di ieri, lunedì 19 Ottobre, è il consueto primo piatto di pasta fatta in casa tirata ad arte, della sfoglina bolognese Alessandra Spinsi, che oggi propone al pubblico in studio e da casa un piatto molto godurioso, come piace alla conduttrice Antonella Clerici, gustoso, e goloso, un raviolone rosso ripieno. Un piatto confortante, che rispecchia in pieno lo stile della Spinsi. La sfoglia, rossa, è preparata unendo la farina, le uova e il concentrato di pomodoro. Per il ripieno, buono e allo stesso tempo salutare, come spiega la Spinsi, bisogna lessare gli spinaci in acqua salata e una volta cotti, asciugarli e strizzarli per bene, affinché perdano l’acqua in eccesso e possano risultare belli asciutti, pronti ad avvolgere gli altri ingredienti. Si amalgamano quindi con un uovo per legare, formaggio grana grattugiato, ricotta, sale e pepe e noce moscata. Ecco pronto il ripieno, ora la cuoca tira la sfoglia con maestria e ne ricava i ravioli rotondi che saranno farciti. Si tuffano nell’acqua bollente salata e si fanno cuocere per tre minuti. Eccoli, che arrivano in superficie, sono pronti: ora basta condirli con del burro fuso profumato al rosmarino. Rimaniamo con un’altra cuoca simpatica e procace, che proviene anche lei da una terra amena e sorridente, la rossa Luisanna Messeri, che oggi cucina una bistecca “Bice”, attingendo da un antico e pregiato ricettario di un esploratore del Congo: ecco che alla Prova del Cuoco ci immergiamo nella storia, con un piatto ricco, conviviale, da padrona di casa, da “Signora Bice”. Il segreto consiste nel cucinare alla perfezione il filetto al manzo, che deve rimanere al sangue:le fettine devono essere sigillate con il burro fuso, non aromatizzato, e cotte al massimo un minuto per parte, unite a del rosmarino che ne esalterà il sapore. Ora è la volta delle patate che una volta lessate, devono essere passate in padella con dell’aglio e del burro fuso aromatizzato al tartufo, una vera leccornia, come sottolinea Antonella: basta qualche scaglia di questo alimento prezioso e prelibato per aggiungere quel pizzico in più che impreziosisce la ricetta. Solo tritando il tartufo, lo studio, a detta delle sensazioni del pubblico e delle due donne, si profuma intensamente. Una volta ultimata questa procedura, la cuoca toscana che ogni volta è un pozzo di consigli e curiosità, tosta il pane e compone il piatto: si dispongono le fette di manzo sul pane imburrato e le si bagna ancora una volta di burro fuso, si uniscono le patate, il tutto su un fondo di Marsala. E buon appetito! Eccoci quindi arrivati al momento della ricetta tradizionale e allo stesso tempo facile e veloce, con la simpatia e la voce squillante di Anna Moroni, che ci delizia con una sbrisolona in inedita versione salata. Prima di tutto soffrigge la cipolla con l’olio; prepara quindi la frolla salata con farina e burro, unendo poi l’uovo, il lievito e il grana grattugiato. Per dare la giusta consistenza a questo piatto, bisogna impastare la frolla lavorandola finché non si ottengono delle briciole. Queste saranno disposte su una tortiera foderata di carta forno bagnata e strizzata, un vecchio trucco per farla aderire perfettamente. Ora Anna spiega come preparare il ripieno, che è molto goloso: innanzitutto bisogna grattugiare le zucchine precedentemente in padella e lasciarle rosolare con le cipolle. Saranno poi aggiunte, una volta raffreddate, al resto della farcia, ossia a delle listarelle di speck tagliate grossolanamente e ad un impasto di uovo, formaggio pecorino e paprika. Dopo aver terminato di comporre la tortiera, foderandola con il resto di tutti gli ingredienti e della frolla salata, si infornerà per 40 minuti a 180°. Il risultato è un piatto croccante e delizioso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori