REPORT/ Anticipazioni e diretta streaming puntata 29 novembre 2015: i tempi della giustizia e il funzionamento del Csm

- La Redazione

Su Rai 3 questa sera va in onda una nuova puntata di Report. La trasmissione di Milena Gabanelli, stando alle anticipazioni, affronterà il tema della giustizia italiana

gabanelli_3_r439
Milena Gabanelli (Infophoto)

Rai Tre trasmette in prima serata il settimo appuntamento con Report. Nel programma d’inchiesta di Milena Gabanelli vedremo i serivizi “La Giusta Causa” di Claudia Di Pasquale e “La Gran Corte” di Giuliano Marrucci, in una puntata che avrà come tema quello della giustizia. Vi ricordiamo che oltre a poter seguire la trasmissione sintonizzandovi su Rai Tre, avrete modo di vedere il programma anche in diretta streaming collegandovi al sito di Rai.tv, cliccando qui.

Su Rai 3 questa sera va in onda una nuova puntata di Report. La trasmissione di Milena Gabanelli, stando alle anticipazioni, affronterà un tema che da tempo fa discutere in Italia: la giustizia. Vedremo infatti l’inchiesta “La giusta causa” di Claudia Di Pasquale, che prende le mosse da una considerazione che spesso emerge anche dai fatti di cronaca: nei tre gradi di giudizio si può assistere a ribaltamenti delle precedenti sentenze e capita anche che casi che presentano delle analogie vengano giudicati in maniera diametralmente opposta. Non è raro poi che per arrivare a una sentenza definitiva occorrano degli anni, con il rischio che dei reati contestati cadano in prescrizione.

L’inchiesta di Report vuole cercare di far luce sui criteri che vengono utilizzati per nominare i procuratori capo e i presidenti dei tribunali, oltre a capire come mai vi siano degli uffici giudiziari con poco organico a disposizione. Claudia Di Pasquale analizzerà anche il funzionamento del Consiglio superiore della magistratura e si chiederà quanto può contare, nel meccanismo delle nomine, l’appartenenza di un magistrato a una determinata corrente. Temi, come si vede, molto importanti e delicati. Vedremo come Report saprà affrontarli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori