THE VISIT/ La “fiaba nera” capace di sorprendere

- Dario Zaramella

Il regista M. Night Shyamalan torna al cinema con una pellicola atipica, “strana”, ma sicuramente capace di sorprendere, spiega DARIO ZARAMELLA nella sua recensione

TheVisitR439
Una scena del film

Definire brillante la carriera di M. Night Shyamalan sarebbe un falso storico. Dopo il successo de Il sesto senso, infatti, critica e pubblico hanno fatto a gara per screditare il regista di origini indiane, immediatamente declassato da figura autoriale a semplice mestierante. Ed ecco che, un po’ in sordina, arriva The Visit, un ritorno al genere “horror” (le virgolette sono più che mai indispensabili) dopo la parentesi di E venne il giorno e L’ultimo dominatore dell’aria

Rebecca (Olivia DeJonge) e Tyler (Ed Oxenbould) sono due preadolescenti in visita dai nonni per la prima volta. Armati di telecamera, i due iniziano però a far luce sulle stranezze che circondano la coppia di anziani, in un crescendo più grottesco che orrorifico.

La febbre del mockumentary contagia anche Shyamalan, ma questa volta l’uso della macchina a mano è perfettamente contestualizzato, funzionale. Se Rebecca è un’aspirante Dawson Creek – non più riprese tremolanti con il cellulare, quindi, ma una regia consapevole e ragionata – il fratello Tyler è la spalla comica del film, e in più di un’occasione la tensione che si viene a creare viene smorzata da una sua battuta a bruciapelo. Il primo passo per un mockumentary di successo è essere credibile, coerente con sé stesso, e The Visit lo è fino in fondo; i bambini si comportano da bambini, con tutte le loro paure e ingenuità, e questo contribuisce a rafforzare la credibilità della vicenda. 

Se c’è un regista che fatica a stare imbrigliato in un genere quello è Shyamalan. Né Il Sesto Senso, né tantomeno The Village possono essere considerati “horror”, benché condividano con il genere alcuni archetipi di facciata. L’etichetta di “fiaba nera” sarebbe più appropriata, e questo The Visit non fa eccezione. Prigionieri di una realtà ambiguamente ostile, lontani da tutto e da tutti, i due fratelli devono fare i conti con il proprio passato e le proprie fobie infantili prima che con il “mostro” di turno. Fiaba nera, film di formazione, commedia: la creatività di Shyamalan plasma il mockumentary in un momento in cui il mercato cinematografico pare esserne saturo, e gli infonde nuova linfa e vitalità. 

Non ci si aspetti, quindi, l’ennesimo clone di The Blair Witch Project: il film mescola estetiche differenti in un miscuglio che sfugge a ogni tentativo di razionalizzazione; è sicuramente un film imperfetto, incapace di trovare la sua strada e quindi congelato in una perenne indecisione, eppure, se lo si guarda con occhio privo di pregiudizi, non si può non riconoscere a Shyamalan una forte autoironia e capacità di uscire dagli schemi. 

Si aggiungano a questo due protagonisti irresistibili – cosa difficile in un film del genere, in cui di solito si ha a che fare con irritanti stereotipi -, due bambini comuni che si trovano a dover affrontare orrori ben più concreti e materiali di quanto inizialmente non sembri, ed ecco materializzarsi davanti agli occhi una pellicola atipica, “strana”, ma sicuramente capace di sorprendere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori