REPORT/ Anticipazioni e diretta streaming: il tema della riconoscibilità e il Made in Italy per il prosciutto. Puntata 17 maggio 2015

- La Redazione

Report, anticipazioni puntata 17 maggio 2015: con Milena Gabanelli si affronterà il tema della riconoscibilità, e a seguire un’inchiesta sul Made in Italy e sulla carne

Milena_Gabanelli_Report
Milena Gabanelli, conduttrice di Report

Questa sera su Rai Tre andrà in onda un nuovo appuntamento con Report. In questa puntata Milena Gabanelli presenterà un’inchiesta sulla riconoscibilità. In un mondo sempre più globalizzato si tratta infatti di un tema cruciale, perché si intrinseca con altri temi fondamentali come la sicurezza, lo svolgimento della giustizia e l’integrazione. Vi ricordiamo che oltre a poter vedere Report su Rai Tre, il programma sarà trasmesso in diretta streaming anche su Rai Tv: cliccate qui per vederla.

Stasera, domenica 17 maggio 2015, Milena Gabanelli torna sul piccolo schermo di Rai 3 con una nuova puntata di Report. Il grande tema della giornata da oggi sarà la “riconoscibilità”, ossia l’identificazione, il riconoscimento: un tema che oggigiorno, nel mondo globalizzato e di interazione in cui viviamo, si pone in posizione preponderante. Come garantire la sicurezza e la giustizia se non si hanno gli strumenti per riconoscere, porre dei limiti e dare un’identità precisa? Per esempio, come fanno le autorità a registrare o segnarsi un numero di targa scritto in lingua araba? Oppure, come è possibile intercettare ed incastrare criminali di origine cinese senza l’aiuto – pronto e valido – di un interprete?

A seguire, non mancherà la rubrica “Nutrire il pianeta” che si occuperà di carne, con un’inchiesta dal titolo “I peccati della carne” realizzata da parte di Emilio Casalini. Si cercherà di capire che cosa significa esattamente la sigla Made in Italy posta sopra al prosciutto. Un maiale lavorato in Italia, ama proveniente dall’estero, può davvero definirsi tale? E quanto è esteso questo fenomeno, è perché? Appuntamento a stasera, dalle 21.45, su Rai 3.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori