REAZIONE A CATENA/ Le Cocche di Nonna ancora campionesse, ma per loro niente vincita. Qualcuno riuscirà a batterle oggi, domenica 13 settembre?

- La Redazione

Reazione a catena torna in onda anche oggi, domenica 13 settembre 2015, con una nuova puntata su Rai 1: nell’attesa, ecco come è andata ieri e gli ascolti registrati dal programma di Amadeus

Reazione_a_catena_Fb_r439
Reazione a catena
Pubblicità

Amadeus torna anche stasera, domenica 13 settembre 2015, con una nuova puntata del game show Reazione a catena in onda dalle 18.50 su Rai 1: prima di scoprire chi giocherà nellappuntamento odierno, diamo uno sguardo agli ascolti registrati ieri e a come è andata. La trasmissione, nella prima parte di messa in onda, ha raggiunto il 22.63% di share, incollando davanti al piccolo schermo ben 3 milioni e 26 mila telespettatori; per raggiungere il 27.27% nella seconda parte con 4 milioni e 490 mila telespettatori. Ecco che cosa è successo: quindici lunghi giorni e duecentomila euro di denaro vinto. Questa è la biografia di Lucrezia, Jessica e Giulia, ovvero le concorrenti provenienti da Bari che sono si fanno conoscere col nome collettivo di Cocche di Nonna, che sembra non abbiano degli avversari in grado di buttarle giù dal trono di campionesse. Solita promozione al giornale di Amadeus, che col tormentone Rinfresca la Mente, parla del giornale in edicola ogni giovedì: gli No Tu No provengono da Milano, ed è la formazione formata da Irene, Elena e Luca.

Pubblicità

I tre concorrenti sono rispettivamente mamma e figli: Amadeus augura loro buona fortuna, in quanto le sfidanti, quando salutano le nonne, diventano quasi imbattibili. Ma gli sfidanti non hanno di certo paura, e lo dimostrano, riuscendo a non perdere terreno nei confronti delle loro sfidanti, facendo finire la prima sfida in pareggio, con tre parole indovinate per squadra che valgono ad entrambe seimila euro di vincita. La prima catena musicale, ovvero Susanna di Adriano Celentano, viene indovinata dagli sfidanti: ad indovinare è proprio Elena, che balla sulla base musicale. La donna però non riesce ad intonare la canzone, mentre Amadeus imita una persona che canta mentre si fa al doccia: il brano è quello esatto, e questo porta in vantaggio gli sfidanti. La seconda base musicale invece fa temere ad Amadeus che, vicino allo studio, sia passato un aereo oppure che qualcuno abbia lasciato aperte le finestre. Dopo questo breve siparietto, i concorrenti cercano di indovinare le parole della catena ed il titolo della canzone, che piace ad Amadeus il quale, ad ogni nuova nota, aggiunge un passo di danza diverso. Il titolo viene passato alla squadra degli sfidanti, che non indovina il titolo del brano, ovvero Living for Love di Madonna: Amadeus non perde l’occasione di far ballare tutto il pubblico dello studio sulle note del brano.

Pubblicità

Al termine della sfida musicale nuova situazione di parità e nella terza sfida la situazione vede leggermente in vantaggio le campionesse, che comunque vengono tallonate dagli sfidanti, che vengono elogiati da Amadeus, dopo aver affrontato l’argomento della mezza età con Luca, al quale spiega di non far mai e poi mai perdere la pazienza ad una persona che affronta questa particolare fase della propria vita. Nella penultima sfida sono gli sfidanti a passare in vantaggio, riuscendo ad effettuare un sorpasso nell’ultima catena: questo viene accolto da un boato del pubblico. Record eguagliato: Le Cocche di Nonna indovinano sedici parole, impresa titanica secondo Amadeus.Gli sfidanti adottano la stessa strategia delle campionesse, e ad ogni parola indovinata il pubblico approva con un grande boato. La famiglia di Milano si ferma solo a tredici parole, ma le campionesse hanno sudato freddo e non vengono molto apprezzati dal pubblico, che li applaude freddamente, come se volesse il cambio della guarda sul trono del programma. Malgrado i saluti iniziali alle nonne, le campionesse non riescono a portare a casa il premio da loro accumulato e dimezzato causa errori e jolly: Amadeus le rincuora sostenendo che avranno la possibilità di rifarsi presto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori