CHI L’HA VISTO?/ Replica e riassunto puntata 16 settembre 2015: come vederla in video streaming

- La Redazione

Ieri su Rai Tre è andata in onda una nuova puntata di Chi l’ha visto, il programma condotto da Federica Sciarelli. Ecco il riassunto e la video replica della puntata del 16 settembre 2015

chilhavisto_sciarelliR439
Chi l'ha visto?, conduce Federica Sciarelli

Ieri è andata in onda su Rai Tre la seconda puntata della nuova stagione di “Chi l’ha visto?”, il programma condotto da Federica Sciarelli. Nellanteprima si parla del caso di Vincenza Avino che è stata brutalmente uccisa dal proprio compagno. In studio ci sono i genitori della donna che pongono interrogativi sulloperato del giudice nella vicenda e nello specifico ci si chiede il perché non sia stato emesso un mandato di cattura nei confronti delluomo. Viene rimarcato coma Vincenza avesse più volte sporto denuncia nei riguardi del compagno violento senza ottenere la protezione che avrebbe voluto. La madre della vittima palesa la speranza che le cose possano cambiare e che in futuro non accadano più questo genere di tragedia. Il padre di Vincenzo è abbastanza duro nei riguardi delle istituzioni sottolineando come sia lo Stato il principale responsabile della vicenda non avendo fatto nulla per evitarla. Si cambia argomento passando a parlare della vicenda di Eligia Ardita, la donna uccisa a Siracusa in circostanze che non sono state ancora chiarite dalle forze dellordine che si stanno occupando del caso. In studio ci sono i genitori di Eligia viene mandato in onda un filmato allo scopo di ricostruire tutta la vicenda sottolineando come al momento il principale indiziato risulti essere il marito di Eligia, Christian. Vengono elencate le diverse situazioni per le quali la versione data dal marito viene ritenuta non attendibile. Nel filmato viene raccontato come il corpo della donna sia stato trovato sul proprio letto con le mani conserte sul petto. Le prime analisi sul corpo di Eligia hanno evidenziato come la donna sia stata colpita diverse volte allaltezza della testa. Il marito ha spiegato il tutto indicando gli operatori del 118 come coloro che li hanno provocati. Una versione che è stata messa sotto i riflettori dagli inquirenti che non sembrano essere troppo convinti della cosa. In studio ci sono anche gli zii di Eligia e lavvocato di Christian. Gli zii fanno presente come il rapporto tra la donna ed il proprio compagno non fosse ottimale ed inoltre rimarcano la loro convinzione che Christian non abbia detto la verità sulla vicenda. Lavvocato non accetta questa versione. Tra lavvocato ed i familiari di Eligia cè un botta e risposta sulla natura delle echimosi sul volto. Nella storia cè anche la morte della bimba che aveva in grembo Eligia. Era allottavo mese di gravidanza con lavvocato che sottolinea come non sia nata viva aggiungendo che un feto non può sopravvivere oltre i quindici minuti dalla morte della madre. Viene chiamato in causa anche un ginecologo che chiarisce come ad Eligia non sia stato ritrovato alcun embolo. Si cambia argomento passando a dibattere il caso di Giulia Di Sabatino. Viene mandato in onda un filmato che ricostruisce la vicenda della diciannovenne che è precipitato su un cavalcavia dellautostrada A14. Poi il corpo della ragazza è stato reso irriconoscibile dalle auto in corsa che lo hanno centrato. Al momento lunica pista è quella fornita da un testimone che ha evidenziato di aver visto Giulia vicino ad una panda di colore rosso. Viene intervistato il padre il quale rimarcando come la figlia non conoscesse affatto quel posto, è stata verosimilmente accompagnata da qualcuno. stato rintracciato il ragazzo che le ha dato un passaggio e che ha dichiarato di non aver mai visto prima Giulia. Intanto viene sentito in diretta il procuratore di Teramo che fa presente come ci siano delle cose poco chiare in tutta la vicenda e nello specifico che sia impensabile che delle auto centrino un cadavere senza rendersene conto. Il procuratore si attende maggiore collaborazione dalle persone. Si parla del caso di Elisa Claps con in studio i suoi genitori e viene mandato una intercettazioni relativa a quanto affermato dalle donne delle pulizie della chiesa che rimarcano di non sapere nulla sullesistenza del sottotetto dove è stato rinvenuto il cadavere della donna. La madre chiede di riuscire a sapere la verità su cosa sia accaduto in quella chiesa lanciando un appello a Papa Francesco. Vengono rimandate in onda le dichiarazioni dei Monsignor Superbo e quindi viene fatto presente come la chiesa sia rimasta chiusa a distanza di cinque anni. Il padre di Elisa fa notare come la condanna alle donne delle pulizie corrisponde a far passare il messaggio che a pagare siano sempre i più deboli. Dopo un appello per Daniele Potenzoni si parla del caso di Glenda Alberti, morta a seguito di un volo nel vuoto. Nel filmato che ricostruisce la vicenda viene rimarcato come la donna sovente litigasse con il proprio compagno Luigi. La mamma della vittima non è per nulla convinta di come sia stato bollato il caso ed ossia con archiviazione per suicidio facendo presente come dallautopsia siano emerse tante incongruenze. La madre non si da per vinta e chiede con forza che vengano riaperte le indagini. Nellultima parte del programma si parla del caso di Tiziano Allegretti scomparso nel 2005. Nel filmato per la ricostruzione dei fatti viene ricordato come presso la redazione del programma sia arrivata una lettera nella quale veniva fatto presente come nella vicenda abbiano un ruolo anche i Casamonica. Il ragazzo aveva problemi di tossicodipendenza ed aveva dei contatti con qualche esponente della famiglia mafiosa. Uno dei esponenti del clan romano ha sottolineato che non hanno nulla a che fare con questa vicenda. In studio cè anche lavvocato della famiglia di Tiziano che fa presente come nelle indagini ci siano diversi buchi che potranno essere colmati soltanto da testimoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori