LE IENE SHOW/ Diretta e servizi, dalle bombe italiane in Yemen alla piaga del Fentalyn (oggi, 23 ottobre 2016)

- La Redazione

Le Iene Show, anticipazioni e servizi del 23 ottobre: nella puntata di oggi in onda su Italia Uno, Dino Giarrusso indaga sulle armi che dall’Italia arrivano in Arabia Saudita contro lo Yemen

le_iene_R439
Le Iene

Sono stati molto duri i servizi andati in onda questa sera a Le Iene Show: a partire dalla denuncia delle persone la cui vita è stata rovinata da una commercialista, che ha intascato i soldi delle loro tasse e non li ha mai versati all’Agenzia delle Entrate, al servizio sull’uccisione del cane Angelo, ai ragazzi distrutti dall’uso di Fentalyn, le Iene questa sera ci hanno mostrato delle storie veramente incredibili e drammatiche. Servizio di punta della serata è stato quello di Dino Giarrusso sulle armi di guerra inviate dall’Italia all’Arabia Saudita, che sta bombardando lo Yemen facendo strage di civili: la ministra Roberta Pinotti aveva inizialmente detto che quelle erano bombe autorizzate dalla Germania ma il governo tedesco ha smentito categoricamente questa affermazione. Le Iene Show tornano domenica prossima, sempre su Italia Uno, alle 21.40 con nuovi e interessanti servizi di denuncia.

Continua il servizio de Le Iene Show sulla piaga del Fentalyn, droga molto diffusa nell’Est Europa, soprattutto in Estonia, dove i ragazzi ne fanno largo uso. Marco Maisano incontra Katia, una ragazza di 23 anni che si prostituisce per pagarsi le dose di Fentalyn di cui ormai ha un estremo bisogno per andare avanti. Katia ha un bambino di quattro anni e mezzo, e una storia travagliata alle spalle: suo padre è morto quando aveva dieci anni, mentre sua madre è un’alcolista e non hanno nessun rapporto ormai da anni. Definisce la sua una semplice esistenza, e non una vita, e la sua paura più grande è di morire e non veder crescere suo figlio. Gli inviati de Le Iene Show non possono far nulla per questi ragazzi, la cui esistenza ruota tutta intorno al Fentalyn ma, ovviamente, sperano che tra qualche tempo riescano ad andare in comunità e risolvere così la loro tossicodipendenza. Non sappiamo se ce la faranno, ma certo questo è uno dei servizi più tristi andati in onda questa sera a Le Iene Show.

Le Iene Show si sposta adesso nell’Est Europa, in Estonia, dove è in corso da anni un vero e proprio boom dell’uso del Fentanyl, una nuova droga che sta facendo una vera e propria strage. In Estonia non ci sono droghe come l’eroina o la cocaina, quindi le persone usano questo narcotico: nel servizio de Le Iene condotto da Marco Maisano, si vedono dei ragazzi fare uso del fentalyn come risposta ai propri problema: una donna racconta che suo marito, alcolista, schiacciò con il peso il figlio di due mesi, uccidendolo. Si vede anche una ragazza incinta fare uso di questa potente droga, anche se potrebbe causare dei seri danni al bambino. Marco Maisano segue uno di questi ragazzi nel suo “lavoro”: ma prima di andare a rubare nei supermercati, ha bisogno di un’altra dose. La cosa non finisce molto bene e il ragazzo sembra quasi andare in overdose.

Dopo il triste servizio de Le Iene Show sulla vita rovinata di decine di persone dalle truffe di una commercialista, il programma di Italia Uno passa a un altro servizio ancora più raccapricciante: quello della barbara uccisione a opera di quattro ragazzi di un cane bianco, Angelo. Le Iene hanno raggiunto il paese dove abitano i giovani, e cercano di parlare sia con loro sia con gli abitanti della piccola cittadina che, però, sembra non abbiano la minima intenzione di parlare con loro. Anzi, si dimostrano parecchio ostili, e vogliono anche danneggiare la loro macchina: addirittura sembra che vogliano fare un agguato in pieno stile agli inviati de Le Iene Show, con gravi minacce a Nina Palmieri, l’autrice del servizio sull’uccisione del cane Angelo. A un certo punto, un parente di uno dei quattro ragazzi, dopo una serie di insulti, ha avuto un malore, e le Iene sono dovute andare via dal paese senza poter parlare praticamente con nessuno.

Le Iene Show continuano con il servizio “La professoressa razzista”, dove si denunciano le frasi xenofobe di una docente di un liceo di Verona. Subito dopo si passa a un altro video dove si parla di truffe ad opera di una commercialista, che ha preso i soldi delle tasse dei suoi clienti e non li ha mai pagati all’Agenzia delle Entrate, rovinando quindi la vita delle persone che adesso devono pagare migliaia di euro di cartelle esattoriali. Questo accadeva un anno fa, ma adesso, le stesse persone che la commercialista ha truffato continuano a ricevere avvisi di pagamento dall’Agenzia delle Entrate: tante persone sono dovute andar via dalla propria casa o addirittura venderla per poter pagare gli ingenti debiti che adesso pesano sulla loro testa. La commercialista, raggiunta ancora una volta dalle Iene di Italia Uno, non risponde alle domande che gli vengono poste e alle urla delle persone che ha derubato ma, a un certo punto, scende anche lei dalla macchina e accusa tutti a sua volta di averla derubata.

Dopo uno dei servizi di punta di questa nuova puntata de Le Iene show, quello sull’implicazione dell’Italia nella vendita di armi di guerra all’Arabia Saudita per bombardare i civili in Yemen, è la volta di un video più leggero. Arriva adesso il momento de “Il Logorroico”, servizio de Le Iene Show che, sulle orme del famoso servizio in cui Aldo Biscardi fece delle domande lunghissime senza mai prendere fiato, un inviato del programma di Italia Uno cerca di far spazientare i suoi intervistati facendo delle domande lunghissime che durano anche cinque minuti. Da Lapo Elkann a Enrico Ruggeri, alla fine se ne sono andati infastiditi. Subito dopo i conduttori de Le Iene Show hanno dato la notizia dell’arresto di un uomo con una parte di testa mancante. Subito dopo parte il servizio di Filippo Roma sullo spreco delle auto blu dei parlamentari, che invece il governo Renzi avrebbe dovuto tagliare: oggetto del servizio è Domenico Rossi, sottosegretario alla Difesa.

Il primo servizio che va in onda questa sera a Le Iene Show è diretto da Nadia Toffa: oggetto dell’indagine della conduttrice è il mondo della moda italiana e le truffe che vi girano intorno. In questo caso Nadia Toffa va a ripescare il soggetto di un servizio fatto anni fa, che già anni prima era dedito a queste truffe e che prometteva una vita di successi nel mondo delle sfilate e della televisione in cambio di soldi per un book fotografico e per essere inserite sul sito. Nadia Toffa ha ritrovato questo ragazzo e gli è corsa incontro con la telecamera riprendendolo in faccia, anche se lui non voleva e minacciava di denunciarla. Il ragazzo non ha rilasciato dichiarazioni nonostante la Iena continuasse a tampinarlo in mezzo alla strada e standogli alle costole: ma come avrà fatto a ritrovarlo? Nadia Toffa ha messo in guardia alla fine contro i pagamenti per queste agenzie, dicendo che per fare moda non bisogna pagare soldi.

Ritroviamo stasera su Italia 1 Giulio Golia, Andrea Agresti, Nadia Toffa, Matteo Viviani e Paolo Calabresi per una nuova puntata de le Iene Show, il programma di Andrea Parenti che andrà in onda dalle 21.20 di oggi, domenica 23 ottobre 2016. Tra i servizi che vedremo oggi in onda troviamo “L’animale più crudele è sempre l’uomo” di Giovanna Nina Palmieri e “La professoressa razzista”, realizzato da Cristiano Pasca. Ci sarà poi Filippo Roma che tornerà a occuparsi di auto blu per capire se la promessa fatta da Matteo Renzi è stata mantenuta. Il servizio avrà come protagonista Domenico Rossi, un sottosegretario del Ministero della Difesa. Vi ricordiamo che oltre a poter vedere Le Iene Show sintonizzandovi su Italia 1, potrete seguire il programma anche in diretta streaming sul sito di Mediaset, effettuando prima il login qui.

Giulio Golia, insieme agli altri inviati de Le Iene Show, sarà al timone della puntata in programma stasera, domenica 23 ottobre, come sempre su Italia 1. Golia sarà sì sul palcoscenico dello studio, ma anche volto di uno dei servizi annunciato dalla folta schiera di conduttori-iene. Golia ha infatti incontrato alcuni dei giocatori della prima nazionale di calcio a 5 formata da persone con problemi di salute mentale. Lo sport, e in particolare il calcio, sono stati visti come un momento e una possibilità di riscatto, un tentativo di liberarsi dai pregiudizi e anche dall’isolamento sociale: la nazionale, per altro, si è classificata terza al campionato del Mondo che si è svolto in Giappone a febbraio. “Ultimi preparativi per la puntata… vi aspetto stasera!! Buona domenica a tutti” ha scritto questa mattina Giulio Golia sulla sua pagina Facebook, pubblicando anche uno scatto dal dietro le quinte dello show. Chi non se lo perderà più tardi a Le Iene Show? Clicca qui per vedere il post di Giulio Golia direttamente dalla sua pagina Facebook ufficiale.

Stando alle anticipazioni, sarà una puntata de Le Iene Show ricca di servizi interessanti quella in onda oggi, domenica 23 ottobre, su Italia Uno. Tra le inchieste più attese sicuramente quella di Dino Giarrusso, che proverà a fare luce su una vicenda molto strana: l‘Italia invia armi all’Arabia Saudita impegnata nella guerra contro lo Yemen? Due foto di bombe inesplose confermano che gli ordigni sono stati fabbricati in Italia, ma la legge n. 185 del 1990 vieta “l’esportazione ed il transito di materiali di armamenti verso i Paesi in stato di conflitto armato in contrasto con i principi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite […]” e “verso i Paesi i cui governi sono responsabili di gravi violazioni delle convenzioni internazionali in materia di diritti umani”. A tentare di chiarire la questione è il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, che spiega:”Quelle bombe non sono italiane. Nel senso che sono un contratto di una ditta americana che utilizza come subcontratto una ditta tedesca che ha due fabbriche in Italia. Ma nonostante ciò, dato che noi siamo molto attenti anche al transito di armi, anche se non sono appunto vendute dall’Italia, quando transitano nel nostro Paese, noi le controlliamo”. Giarrusso si è recato allora a Berlino, trovando risposte interessanti. Altro servizio interessante quello di Gaetano Pecoraro, impegnato nel raccontare la paradossale vicenda di Federico Fomenti, cervello in fuga italiano desideroso di tornare in patria che pur essendo conteso da alcune tra le migliori università del mondo, tra cui Oxford e il King’s College di Londra, non riesce ad essere accettato dall’Università di Verona, sua città natale, per la posizione di ricercatore in Scienze Motorie. Giulio Golia invece darà spazio alla prima nazionale italiana di calcio a 5 formata da giocatori con problemi di salute mentale, che si è qualificata terza al primo campionato del Mondo per persone con problemi psichici disputato in Giappone a febbraio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori