SQUADRA ANTIMAFIA 8 / Anticipazioni e news: oggi non va in onda, chi salverà Giano e la Cantalupo? ( 6 ottobre 2016)

- La Redazione

Squadra Antimafia 8, anticipazioni e news: la lotta interiore dell’ispettore Giano Settembrini, parla l’attore Davide Iacopini (oggi, giovedì 6 ottobre 2016).

2016_squadra_antimafia8
Squadra Antimafia

Un altro giovedì senza Squadra Antimafia 8 che torna domani dopo lo slittamento della scorsa settimana. Anna Cantalupo dovrà rimanere in ginocchio al cospetto di Rachele Ragno ancora per qualche ora perchè solo domani sera i fan scopriranno cosa succederà alla nostra amata agente e cosa succederà anche a Giano, pronto a ripulire la sua anima arrestando il boss Reitani. I due sono finiti nei guai proprio per via delle bugie di Giano, chi li salverà adesso? Questa volta De Silva sembra impegnato in una caccia senza fine all’uranio per via di un capo ancora rimasto segreto. Chi salverà quingi Giano e la Cantalupo? Chi è il misterioso capo che ha preso le redini di De Silva? Le prime risposte arriveranno solo domani sera quando un’altra puntata, la quinta, della fiction, andrà in onda.

Domani, venerdì 7 ottobre, su Canale 5 andrà in onda la quinta puntata di Squadra Antimafia 8. Al centro delle vicende troveremo l’ispettore Giano Settembrini, interpretato da Davide Iacopini. Il poliziotto si trova in una difficile situazione: è ricattato dal boss Reitani che ha una registrazione in cui Giano intasca dei soldi da parte di uno spacciatore. Giano è “Un uomo con un passato bello burrascoso che sta cercando di redimersi. Sta cercando perché, la sfortuna ci si mette di mezzo e lui, che ha avuto problemi, non riesce a uscirne. La sfortuna, qui, è un ricatto che lo costringe ad accettare cose che non vuole”, ha detto Iacopini in una recente intervista a Gq. Sappiamo che nella prossima puntata Giano cercherà di ribellarsi al boss: “Lo sento come una persona con lati oscuri ma che tende al buono, come un drogato che sta cercando di disintossicarsi”, ha aggiunto l’attore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori