MOTIVE 4 / Anticipazioni del 14 novembre 2016: Angie ostaggio di una donna!

- La Redazione

Motive 4, anticipazioni del 14 novembre 2016, in prima Tv su Premium Crime. La madre di un ragazzo accusato di omicidio prende in ostaggio la squadra, mentre Vega scopre la verità. 

motive_4_facebook
Motive 4, in prima Tv assoluta su Premium Crime

Nella prima serata di oggi, lunedì 7 novembre 2016, Premium Crime trasmetterà un nuovo episodio di Motive 4, in prima Tv assoluta. La puntata sarà la settima, dal titolo “Innesco manuale“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: Angie (Kristin Lehman) e la squadra iniziano ad indagare sulla morte di Tracy (Sara Canning), una giovane donna che è stata ritrovata in un parco. Interrogando alcuni testimoni, Angie scopre che in realtà la donna andava in quel luogo solo con il figlio Owen (Luke Roessler), avuto con l’ex marito Steven (Tygh Runyan). Quest’ultimo si trova in un’altra città per lavoro, mentre del bambino non c’è alcuna traccia. Anche se sotto la pioggia, la squadra inizia a cercare il modellino di una barca telecomandata, che confermi la prensenza del bambino sul posto. Una volta ottenuta la prova, la task force inizia a cercare Owen con forza, soprattutto dopo che il padre ha rivelato agli agenti che il figlio soffre di una grave forma di epilessia e che nessun medico è riuscito a capire che malattia abbia. Angie e Paula (Karen LeBlanc) scoprono che la vittima frequentava di recente un forum online, in cui aveva parlato apertamente, poco prima della morte, dei sintomi di Owen, un particolare che inizia a stonare alle due agenti. Nel frattempo, Lucas (Brendan Penny) scopre che la testimonianza di Betty (Lauren Holly) potrebbe metterla nei guai perché non esistono prove dell’aggressione subita in precedenza. Decide quindi di pagare un secondo uomo perché testimoni a favore del medico legale. Nel passato, Cindy (Alicia Witt) nota con orrore che Tracy ha incontrato Steven e che accudirà Owen. Nel presente, Angie e Paula risalgono fino a Cindy, un’insegnante di musica con un passato ombroso alle spalle. Alcuni anni prima, infatti, la donna ed il marito Dean (Wesley Salter) hanno perso un bambino ed in più Cindy è rimasta traumatizzata dalla morte di uno dei suoi alunni. Indagando meglio sulla morte del bambino, Angie e Paula incontrano il padre e scoprono che l’ex fidanzata era proprio Tracy. La squadra collega quindi i puntini fra tutti i casi e capisce che Tracy aveva avvelenato il primo bambino, per poter soddisfare una propria patologia. In quel momento, Owen entra in crisi respiratoria e temendo il peggio, Cindy lo trasporta fino in ospedale, dove lo lascia da solo. Grazie all’identikit del bambino, la squadra risale fino a dove si trova Cindy e l’arresta.

Angie viene tenuta in ostaggio da un attentatore suicida, il cui figlio ha confessato di aver ammazzato la sorella. La vittima era una reporter ficcanaso della scuola superiore ed era rimasta coinvolta in uno scandalo che riguardava un insegnante. Angie riapre il caso concentrandosi su Nancy Bailin, la vittima. nel passato, Nancy inizia una relazione con il suo consuleente di orientameento, Mackenzie Usher, e vengono immortalati in uno scatto. Nancy ha quindi una brutta lite con Carrie, la moglie dell’amante, che ha appena scoperto di essere incinta. Secondo i detective, quel giorno Nancy torna a casa e trova il suo fratellastro, Josh, e durante una lotta viene buttata giù dalle scale. Il ragazzo viene condannato a 15 anni di carcere. Nel presente, Angie sta perlustrando la scena del crimine, quando Susan Bailin la ferma peer strada. La donna non crede che il figlio sia colpevole e le mostra di avere una bomba collega al petto. Trasportata la detective all’interno della stazione, Susan prende in ostaggio diversi civili presenti. Angie cerca di convincere la donna a lasciare che Paula e Lucas si occupino del caso, mentre all’esterno Vega va a parlare con Josh e scopre che la confessione è avvenuta su pressione del padre di Nancy. Il ragazzo non ha alcun ricordo del delitto. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori