LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 20 dicembre 2016: il polpettone di tacchino glassato, il capitone fritto e il filetto d’orata

- La Redazione

La prova del cuoco, le ricette della puntata del 20 dicembre 2016: il polpettone di tacchino glassato, il capitone fritto e il filetto d’orata e gli alberi di Natale di cioccolato

antonellaclerici
Antonella Clerici, conduce La Prova del Cuoco

Antonella Clerici è pronta a tornare in scena anche oggi, mercoledì 21 dicembre 2016, con un nuovo appuntamento insieme a La prova del cuoco, in onda su Rai 1 dalle 11.50 circa. In attesa di scoprire quali ricette verranno presentate più tardi, diamo uno sguardo a quello che è successo durante la giornata di ieri. Si parte subito con i panini di Daniele Reponi, che come sempre ci dà valide alternative per preparare pasti davvero gustosi. Il primo è con il salmone: si scalda il pane, con il salmone marinato con olio e pepe verde. Dopo aver composto il tutto, aggiungiamo i germogli e altro salmone. Quello con trota invece è più complesso: prepariamo il filetto al vapore e condiamo con un filo d’occhio, senza mai dimenticare la cicoria e le olive nere, per fare un panino gourmet davvero gustoso. In scena anche il cuoco italo nipponico, con il polpettone di tacchino glassato. Prepariamo la carne in un ciotola, aggiungendo le spezie e il porro ripassato in padella. Aggiungiamo anche il pane e il latte, senza dimenticare le uova per amalgamare. Mettiamo nel nostro stampo la pancetta come base e versiamo il composto di carne. Chiudiamo con altra pancetta e mettiamo il tutto in forno per circa un’ora. Glassiamo intanto il pomodoro, con il miele e lo zucchero di canna, portando tutto ad ebollizione. Una volta cotto il polpettone, serviamo la glassa in cima decorando il tutto.

Doppia sfida ancora per le due Anna. La signora Serpe porta il capitone fritto. Si pulisce il tutto tagliandolo poi a pezzi. Si passa ovviamente nella farina e si frigge nell’olio bollente. Nel frattempo prepariamo il contorno: usiamo le cime di cavolfiore e la scarola, che andremo a ripassare in padella con qualche gustosità come olive e capperi. Condiamo l’insalata mista a nostro piacimento e serviamo insieme alla frittura di capitone. Ovviamente, come consiglia la signora Serpe, vincitrice di questa sfida, bisogna servire il tutto ben caldo. La signora Moroni porta invece il filetto d’orata. La crosta che presenta oggi è fatta con ingredienti davvero particolari. Si sfiletta per bene il pesce, togliendo con attenzione tutte le lische. Nel frattempo prepariamo gli ingredienti per la crosta: nocciole, mandorle e farina, acqua tiepida e olio. Impastiamo il tutto e facciamo riposare. Stendiamo poi l’impasto e inseriamo il filetto, a cui aggiungeremo anche il prosciutto crudo. Chiudiamo con altro impasto e spennelliamo il tutto con il tuorlo d’uovo. Una volta preparato il tutto, inseriamo nel forno per circa mezz’ora a 200° C. In questo modo si creerà una crosticina gustosa e davvero ottima per poter accompagnare un secondo di pesce come questo.

Ma non solo primi e secondi. Arriva il momento degli alberi di Natale con fragole e cioccolato. In un contenitore lavoriamo le uova e la crema di nocciole, con il burro e la farina. Ricordiamo che deve essere setacciata con il lievito per evitare impasti con grumi. Una volta preparato l’impasto cuociamo il tutto per più di mezz’ora e nel frattempo prepariamo le guarnizioni con limone, zucchero, albumi e colorante. Facciamo la forma dell’albero e guarniamo il tutto. Anche Roberto Valbuzzi presenta una ricetta natalizia, ovvero il pudding natalizio speziato. Si mette in un contenitore il pane senza crosta, l’uva, zucchero e lievito. SI amalgama bene il tutto. Si aggiungono poi le uova con il liquore di arancia per insaporire il tutto. Non bisogna dimenticare ovviamente i canditi, per dare un tocco di natalizio a questo dolce, che come consigliato dallo stesso chef andrebbe preparato nel periodo che va prima di natale. Per chiudere si scioglie il cioccolato insaporendolo con latte e chiodi di garofano. Cuociamo in forno a circa 180° C per ben cinque ore. Per verificare la ottura potete inserire uno stecchino di legno e vedere se viene su bagnato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori