VALERIA MARINI/ Video, come Marilyn Monroe per Bruno Vespa: “Happy birthday” per i 20 anni di Porta a Porta. La showgirl risponde alle critiche

- La Redazione

Valeria Marini si è trasformata in una novella Marilyn Monroe è ha intonato Happy Birthday per Bruno Vespa in occasione della puntata per celebrare i vent’anni di Porta a Porta

valeria_marini
Valeria Marini

Non è passata inosservata la performance canora di Valeria Marini nel corso della puntata celebrativa dei 20 anni di “Porta a Porta“, durante la quale la showgirl è uscita dalla torta alla maniera di Marilyn Monroe, cantando “Happy Birthday” a Bruno Vespa, degno sostituto (almeno in questo caso) del presidente Kennedy. Sono stati molti ad ironizzare sulla pronuncia inglese non proprio perfetta della Marini, ed è stata la stessa showgirl a chiarire su Twitter il suo pensiero in merito. Qualche ora fa la bionda ha cinguettato:”Cantare mi emoziona, poi per Porta a Porta e Bruno Vespa..emozione stellare“. Presa visione dei commenti non proprio entusiastici del web, la Marini poco dopo ha aggiunto un altro tweet”Ci vorrebbe un pizzico di sana ironia per vivere più leggeri e sereni“. Voi da che parte state? Per farvi un’idea guardate qui il tweet di Valeria Marini con il video di “Happy Birthday” da una prospettiva diversa da quella proposta ieri da Rai Uno.

Nella puntata celebrativa dei vent’anni di Porta a Porta non poteva mancare la torta e da questa è uscita una sorpresa molto gradita a Bruno Vespa: Valeria Marini. Di casa nel talk show di Rai Uno grazie alle sue 37 presenze, Valeria ha cantato Happy Birthday proprio come Marilyn Monroe fece al presidente Kennedy. Con la stessa sensualità la showgirl ha ammaliato il pubblico e ha poi portato con sè sul palco il conduttore. Al termine dell’esibizione Vespa ha ringraziato Valeria, che ha voluto raccontare il divertente aneddoto del backstage: “Mi avete tenuto un’ora dentro la torta…stavo soffocando. Ogni tanto sentivo la voce di Bruno e provavo ad aprire, ma mi richiudevano”. Clicca qui per vedere il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori