Pomeriggio 5/ Si tornerà a parlare di Gloria Rosboch? Riassunto ultima puntata (oggi, 25 febbraio 2016)

- La Redazione

Pomeriggio 5 torna sul piccolo schermo oggi, giovedì 25 febbraio 2016, dopo la puntata di ieri, di cosa si parlerà oggi? Ecco il riassunto dell’ultima puntata

Barbara_DUrso
Barbara D'Urso (Infophoto)

Torna oggi, giovedì 25 febbraio 2016, l’appuntamento con il salotto di Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 su Canale 5. Sono giorni molto caldi per la cronaca nera del nostro paese con gli ultimi misteri svelati riguardo all’omicidio di Gloria Rosboch e l’ultima tappa del processo a Massimo Bossetti unico indagato per l’omicidio della piccola Yara Gambirasio. Ci troveremo di fronte però anche alla pagina rosa che cercherà di sdrammatizzare argomenti davvero molto importanti e che portano un carico di sofferenza e dolore

Pomeriggio 5, riassunto puntata 24 febbraio 2016 – Questa nuova puntata di Pomeriggio Cinque è iniziata subito con la cronaca e in particolare con il caso dell’omicidio di Isabella Noventa. Oggi è stata la giornata delle perquisizioni e gli uomini della polizia scientifica sono stati prima a casa di Emanuela Cacco, dove hanno perquisito tutto e poi si sono spostati nel casolare di proprietà della famiglia di Freddy. Barbara D’Urso ha chiesto alla regia di tenere sempre a metà schermo le immagini delle ricerche, mentre i telespettatori potevano ascoltare le parole della mamma di Emanuela Cacco, che per la prima volta ha parlato. Intanto la stessa Manuela sui social aveva scritto qualche giorno fa che i giornalisti non fanno che infangare le persone e sparare bugie pur di ottenere un briciolo di notorietà. La donna diceva di avere la coscienza pulita e di non temere nulla. Ma è possibile che Isabella fosse perseguitata proprio dalla tabaccaia? Prima che la donna fosse arrestata, quando ancora era convinta che nessuno sospettasse di lei, Manuela aveva detto di avere con Freddy solo una bella amicizia e di come lui fosse stato innamorata di Isabella, ma l’aveva lasciata quando si era reso conto che quella storia non sarebbe potuta andare avanti per via di una serie di problemi. Gloria, l’insegnante di Torino, è stata invece uccisa e gettata in un pozzo. Adesso è spuntata fuori anche una ragazza dei misteri, che si chiama Sofia. Pare che Gabriele avesse contemporaneamente una relazione con il suo amante e con questa ragazza ventenne. Il papà di Sofia, che proprio il giorno della scomparsa di Gloria è partita per il Marocco, ha detto che i due non erano fidanzati e che erano semplicemente amici. L’uomo afferma anche che il ragazzo non era mai stato a casa sua. Alessandro Cracco con Giangavino Sulas sono andati oggi pomeriggio all’interno dell’aula in cui si sta svolgendo il processo a Massimo Bossetti.

Le telecamere di Pomeriggio 5 hanno ripreso anche Ester, la mamma del muratore di Mapello. Altro argomento di cui si è parlato nel corso della diretta è stato quanto accaduto qualche anno fa, quando un grande attore, Alberto Sordi, ci ha lasciati. Proprio oggi, infatti, ricorre l’anniversario della sua scomparsa, ma tra i parenti e i domestici è ancora guerra per la contesa dell’eredità. Ospite in studio c’era oggi Maria Antonietta Schiavino, che ha portato alcuni appunti scritti a mano da Sordi sulle bozze del libro che hanno pubblicato insieme. Anche il nipote Renato lo ha ricordato con affetto in un servizio, andando anche a visitare la sua tomba e quella della sorella. Sul settimanale ‘Oggi’ nel frattempo è uscito un articolo sull’eredità contesa dell’attore, mentre l’autista pare sia andato in Perù. Secondo la Schiavino, se proprio questa persona ha fatto qualcosa di storto non può averlo fatto da solo. La sua opinione è che dietro di lui ci sia un’altra mente. In effetti sono indagate ben 10 persone. A seguire Barbara D’Urso ha intervistato una persona che non aveva mai parlato prima d’ora. Si tratta di uno dei figli di Bruno Cornacchiolo, che vide la Madonna insieme ai suoi due fratelli. Da quel momento questi bambini hanno continuato a vedere la Madonna e hanno comunicato i suoi messaggi in Vaticano. Si tratta di anticipazioni di eventi molto forti, che la Chiesa ha preso in considerazione. L’uomo si chiama Carlo e in studio c’erano Don Giulio Marra e il Vaticanista Saverio Gaeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori