BOBBY SOLO / Il cantante “Se piangi, se ridi” ospite di Carlo Conti (I Migliori Anni, quarta puntata 20 maggio 2016)

- La Redazione

Bobby Solo, il cantante “Se piangi, se ridi” sarà ospite di Carlo Conti nello show nostalgico di Rai 1 (I Migliori Anni, quarta puntata 20 maggio 2016).

bobby_solo
Bobby Solo

Nella puntata di oggi de “I migliori anni” tra gli altri ospiti d’eccezione sarà presente il celebre cantante Bobby Solo, particolarmente noto negli anni ’60 e ’70 per aver interpretato e scritto alcuni dei pezzi più splendidi della canzone italiana di quel periodo, e per la sua partecipazione ad alcune produzioni cinematografiche. Bobby solo negli ultimi anni è apparso anche in altri programmi televisivi come “I Fatti Vostri” di cui è stato ospite nell’aprile del 2015, e a “Domenica In” nel marzo dello stesso anno. Bobby Solo era già stato ospite de “I Migliori Anni” agli esordi della trasmissione, nel 2008. In quella occasione il cantate si era lanciato in una splendida interpretazione di una delle sue canzoni più conosciute “Non c’è niente da fare”, lasciando il pubblico senza fiato. 

Bobby Solo è il nome d’arte di Roberto Satti, nato il 18 marzo del 1945 da madre giuliana e padre friulano. Sin da piccolo coltiva la sua passione per Elvis Presley e impara molto presto a suonare la chitarra. Quando la famiglia si trasferisce per lavoro a Milano, viene notato da Vincenzo Micocci che gli propone un contratto con la sua etichetta. Partecipò per la prima volta a Sanremo nel 1964 con “Una lacrima sul viso”: quell’anno non vinse ma la canzone ebbe un incredibile successo. Vinse, invece, l’anno successivo con “Se piangi, se ridi”. Da allora l’astro di Bobby Solo non si è mai oscurato, e ancora oggi a settantuno anni rappresenta uno degli astri indimenticabili nel panorama della musica italiana. L’ultimo lavoro del cantante, uscito per festeggiare i suoi settant’anni, porta il titolo eloquentissimo di “Meravigliosa Vita” e contiene tredici brani tra i suoi più celebri successi e inediti. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori