MINORITY REPORT / Anticipazioni del 27 luglio 2016: Agatha ha una visione, Vega li tradirà

- La Redazione

Minority Report, anticipazioni di mercoledì 27 luglio 2016, in prima Tv assoluta su Fox. Vega convince Dash a rientrare in Polizia, Blake chiede a Dash di sorvegliare l’agente. 

minority_report_facebook
Minority Report

Nella prima serata di oggi, mercoledì 27 luglio 2016, la Fox trasmetterà un nuovo episodio di Minority Report, in prima Tv assoluta. La puntata è la quarta, dal titolo “Occhio di Falco“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco cosa è successo la settimana scorsa:  il giorno prima della chiusura della Precrimine, la DIA impone che i fratelli vengano tolti dal bagno fotonico in cui si trovano da diversi anni. Wally (Daniel London) guarda con preoccupazione al futuro dei ragazzi, soprattutto a quello di Dash (Stark Sands), l’unico dei tre costretto a vedere in continuazione gli omicidi che non può impedire in alcun modo. Intanto, Blake (Wilmer Valderrama) riferisce a Vega (Stark Sands) che i federali stanno facendo numerose domande sugli ultimi eventi perché non credono che possa aver agito senza il supporto di un informatore. Akeela (Li Jun Li) le conferma di aver dovuto rispondere ad alcune domande perché la sua versione e quella della scentifica non combaciano, ma Vega si rifiuta di rivelarle la verità. Raggiunge poi Dash che la informa di aver avuto una nuova visione su un delitto, ma le immagini non mostrano alcun volto. Un simbolo sul polso della vittima li riconduce fino ad un club per single, ma Vega spinge Dash a considerare la possibilità di chiedere aiuto ad Arthur (Nick Zano) per avere un nome. Il gemello però non intende fare niente senza alcun vantaggio in cambio e gli consegna il numero di un fascicolo della Polizia, chiedendogli di spingere Vega a prelevarlo. Dash si rifiuta di accettare e consegna tutto a Vega, imponendole di lasciarlo partecipare alla missione sotto copertura al club. Individuano con qualche difficoltà Tyson Cole (Ron Melendez) e scoprono che il simbolo che ha sul polso si rifà ad un gruppo che guida nell’uso della seduzione mirata. Più tardi, Dash parla con Agatha (Laura Regan) e le conferma di voler tornare a casa, ma anche di aver bisogno di fermare le visioni. Durante un appostamento, Dash confida a Vega di non aver provato nulla ad uccidere Rutledge (Michael Copeman). Dopo aver provato inutilmente ad approcciarsi a Cole, Vega decide di accettare la richiesta di Arthur, ma scopre che si trattava solo di un test. Ottiene però il nome della vittima di Cole, ma viene interrotta dall’arrivo di Blake. Poco dopo, scoprono che Cole non è l’assassino di Blanca (Maureen Sebastian), ma il barista Harlan (Bradford Anderson). Si precipitano quindi al club, dove Harlan ha già catturato Blanca. Dopo una breve fuga, Vega lo cattura, ma non senza l’aiuto delle visioni di Dash. Intanto, Agatha ha una visione su Vega.

Agatha rivela tutto ad Arthur sulla visione avuta su Vega. E’ convinta che la detective presto li tradirà e li farà di nuovo rinchiudere tutti nel bagno di latte. Arthur inizia a temere che il fratello sia in pericolo, così cerca di avvisarlo, ma Dash è sicuro che la detective non farebbe mai una cosa simile. Vega invece viene incaricata di gestire la fase sperimentale di Occhio di Falco, programma in cui fa rientrare presto anche Dash come consulente esterno. In questo modo i due possono avere una copertura reale, nonostante questo voglia dire per Dash ritornare nel luogo in cui ha provato diverso dolore. Intanto, Occhio di Falco ferma Mark Massero per guida pericolosa, segnalandolo come potenziale assassino. Una nuova visione di Dash gli rivela in seguito che Massero ucciderà un uomo in modo brutale, ma le indagini portano altrove. Dopo aver sventato l’omicidio ed il suo stesso suicidio, Vega scopre infatti che l’uomo è stato in realtà manipolato da uno psichiatra, assoldato da uno dei soci della sua azienda. Agatha invece conosce Charlie Peele, un uomo che presto salverà la vita, impedendogli di scappare dall’isola con dei soldi rubati e di finire quindi, in un modo o nell’altro, sul tavolo dell’obitorio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori