IL SOSPETTO 2 / Anticipazioni quarta puntata e diretta streaming: Victor sempre più legato a Belen? (oggi, 12 agosto 2016)

- La Redazione

Il sospetto 2, anticipazioni quarta puntata 12 agosto 2016: mentre Miguel per errore confessa di aver ucciso Enrique, tra Victor e Belen scatta la classica scintilla e Alain…

il_sospetto2
Il sospetto

Tra pochissimo sul piccolo schermo di Canale 5 prenderà il via la quarta puntata de Il sospetto 2, la serie tv spagnola con protagonista, nei panni di Victor, l’attore Yon Gonzalez. Le anticipazioni rivelano che Victor e Belen saranno sempre più vicini e che il commissario Casas dovrà lasciare la guida delle indagini a Sophie, la collega francese sul posto per indagare sulla scomparsa di Catherine. Nel frattempo, Lidia – a capo degli infermieri – verrà condotta in commissariato per essere interrogata. Che cosa rivelerà? Vi ricordiamo che sarà possibile seguire la messa in onda de Il sospetto 2 sintonizzandosi su Canale 5 a partire dalle 21.15, ma anche in diretta streaming sul web grazie al servizio offerto da Video Mediaset, cliccando qui.

Cosa succederà nelle prossime puntate de Il sospetto 2, la serie tv spagnola ambientata nelle corse dell’ospedale Montalban? Probabilmente nel quarto episodio previsto per oggi, venerdì 12 agosto 2016, il dottor Legarra sarà ancora al centro di indagini, così come l’infermiera Natalia, che conosce moltissimi segreti del personale ospedaliero. Che provvedimenti si prenderanno, invece, in merito alle affermazioni di Catherine, dopo che si è svegliata dal coma? Il portantino verrà incriminato? Bélen, invece, sarà davvero così collaborativa o stava solo fingendo, nel momento in cui ha scoperto la vera identità di Victor? Per rispondere a questo, sembra che ci vengano in aiuto anche le anticipazioni: il poliziotto e la bella infermiera, infatti, stasera saranno più vicini che mai, con Alain che dovrà accettare in buona pace la cosa. Ma che cosa si inventerà la squadra per continuare le indagini, ora che la il segreto di Victor ha rischiato di mandare tutto all’aria? Miguel verrà predicato e infine catturato: una volta in commissariato ammetterà di aver ucciso Enrique, ma continuerà a confermarsi innocente per quanto riguarda gli omicidi e le sparizioni che sono avvenuti fino a questo momento… Chi è il vero responsabile?

Gli intrighi e il mistero della serie spagnola Il sospetto (Bajo Sospecha) stanno per tornare stasera, venerdì 12 agosto 2016, sul piccolo schermo di Canale 5 con il quarto episodio della seconda stagione, che vede ancora una volta l’attore Yon Gonzalez nei panni del protagonista. La fiction, prodotta da Antena 3, non sta ottenendo in realtà i dati di audience sperati dalla rete ammiraglia Mediaset: la prima puntata, andata in onda lo scorso 22 luglio, aveva portato a casa l’8.49% di share con 1 milione e 411mila telespettatori davanti al piccolo schermo. Già dal secondo appuntamento, però, i numero sono scesi: in particolare, il 29 luglio Il sospetto 2 ha totalizzato uno share del 7.66% con 1 milione e 225mila telespettatori, e la settimana scorsa ha raggiunto il 7.9%. Dei dati non certo troppo brillanti, anche se bisogna considerare che il periodo di messa in onda non è certo tra i più fortunati: oggi i dati riusciranno ad essere più soddisfacenti, anche se ci si avvicina a Ferragosto? Le anticipazioni rivelano che tra Belen e Victor scatterà la scintilla, mentre Lidia verrà portata in commissariato…

Non si fermano su Canale 5 le fiction in prima tv, neanche nel periodo estivo: stasera, venerdì 12 agosto 2016, andrà infatti in scena la quarta puntata de Il sospetto 2, la serie tv spagnola che vede protagonista l’attore Yon Gonzalez. Dopo la chiusura della settimana scorsa, sono diverse le domande che frullano nella testa dei telespettatori: le anticipazioni per la serata di oggi rivelano che le indagini passeranno sotto la direzione di Sophia, senza che il commissario Casas si possa permettere di controbattere e tantomeno di rifiutare. Nel frattempo, Belen ha scoperto il segreto di Victor, e i due avranno occasione di avvicinarsi ancora: tra di loro scatterà la famosa scintilla e Alain dovrà trovare il mondo di farsene una ragione. Il pedinamento di Miguel va a buon fine e l’uomo viene portato in commissariato dove, per errore, arriva a confessare di aver ucciso Enrique: l’uomo, però, continua a professarsi completamente estranea da tutte le altri morti e sparizioni che hanno interessato nell’ultimo l’ospedale Montalban. Le indagini continuano e, dopo il rilevamento di alcune impronte, Lidia viene interrogata e al centro dell’attenzione finisce il figlio della donna, Rafi, che aveva una relazione con Catherine. A questo punto serviranno le immagini delle telecamere di sicurezza per chiarire alcune situazioni…

Proprio all’inizio della puntata de Il sospetto 2 andata in onda la settimana scorsa, vediamo Alain parlare con Don Pedro per fargli una scioccante confessione: l’uomo, infatti, si è appena reso conto che Victor è stato vittima di un’aggressione che gli è costata una brutta ferita alla testa. Qualcuno, forse gli stessi che lo hanno aggredito, lo hanno poi sottratto alla stanza nella quale era ricoverato e abbandonato in evidente stato di shock sul cornicione dell’edificio: per fortuna Alain interviene a salvargli la vita, nonostante Victor chieda di essere lasciato precipitare. Victor, infatti, era stato mandato in ospedale sotto copertura con il fittizio ruolo di un infermiere, in realtà doveva indagare su delle strane morti di donne avvenute tutte all’interno del complesso ospedaliero; quest’aggressione ha quasi rischiato di far saltare la copertura dell’uomo. Inoltre, appresi i fatti, la squadra si precipita in ospedale, dando ancora più visibilità ad una faccenda che doveva rimanere molto sottotono. Quando il commissario chiede a Victor cosa ci facesse nella stanza di Don Pedro e come gli sia saltato in mente di andare a zonzo per l’ospedale non rispettando gli ordini, in realtà l’uomo si accorge quale fosse il vero motivo della sua aggressione: il suo cellulare, pieno di informazioni sensibili, che adesso infatti non si trova. Victor capisce che l’intera storia rischia di emergere se il cellulare finisce nelle mani sbagliate. Victor accetta di sottoporsi a delle analisi per scoprire se qualcuno l’ha drogato, e in effetti è proprio così: il farmaco usato è la scopolamina, un anestetico. Il problema in ospedale è che davvero poche persone hanno accesso alla stanza dei farmaci e ne conoscono il corretto dosaggio e le condizioni di somministrazione: una di queste è l’infermiera Natalia Sanz, messa immediatamente sotto osservazione. Nella mente della squadra inizia a farsi largo un pensiero inquietante: questo farmaco potrebbe essere stato utilizzato anche per drogare Isabel e la dottoressa Sara Guzman, vittime di aggressione all’interno di quello stesso ospedale durante le scorse puntate? Il commissario fiuta immediatamente una pista che sembra condurre, nientemeno, al dottor Legarra. Nel frattempo la polizia scopre dov’è finito il cellulare di Victor: lo ha trovato Bélen, che adesso sa tutta la vicenda e conosce la vera identità di Victor. Nella seconda metà della puntata avviene un fatto importante: la dottoressa Guzman si risveglia dal coma e può riabbracciare i suoi familiari, ma soprattutto aiutare attivamente le indagini descrivendo la sua aggressione. La squadra si mette al lavoro piazzando delle microspie in luoghi sensibili come l’auto della dottoressa, la quale, ormai tornata lucida, fa una scioccante affermazione: il suo aggressore è Gines Castillo, il portantino dell’ospedale, riconosciuto grazie ad un tatuaggio inconfondibile. Bélen, intanto, racconta che Isabel si era innamorata del dottor Miguel, nello studio del quale vengono rinvenute anche tracce di sangue: si scoprirà ben presto che Miguel ha ucciso Enrique, l’ex marito di Isabel. Il dottore, ormai in fuga, ha uno scontro finale con Natalia, la quale gli confessa di amarlo ma che lui rifiuta, e lei lo minaccia di rivelare tutti i suoi segreti. La puntata si conclude con il commissario Durac che bracca fino all’ultimo Miguel, sguinzagliando Alain sulle tracce della sua amante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori