PECHINO EXPRESS 2016/ Ed 5, anticipazioni e news: il ritorno di Andrea Pinna e Roberto Bertolini in versione “documentartisti” (oggi, 17 agosto)

- La Redazione

Pechino Express 2016 ed. 5, news 17 agosto: il capoprogetto Cristiano Rinaldi svela qualche anticipazione. Parlando di Lory Del Santo e Tina Cipollari spiega: “Sono macchine da guerra”

costantino_della_gherardesca
Costantino della Gherardesca (LaPresse)

Una delle grandi novità di Pechino Express 2016 sarà la striscia quotidiana di Pechino Addicted, che vedrà protagonisti i vincitori dello scorso anno, Andrea Pinna e Roberto Bertolini. Gli Antipodi faranno quindi ritorno su Rai 4 con un programma quotidiano che andrà in onda a partire dal 19 settembre e che racconterà il perscorso dei concorrenti. Nell’intervista a Panorama il capoprogetto Cristiano Rinaldi racconta così questo “spin off”: “Vogliamo raccontare la tratta di Pechino in maniera leggera. Loro due avranno delle missioni da risolvere per diventare futuri documentaristi: sarà una sorta di diario di viaggio in cui scopriremo i costi, le abitudini e i cibi con più calma rispetto ai concorrenti”.

Il 12 settembre debutta su Rai Due Pechino Express 2016 e il titolo di questa quinta edizione è “Le civiltà perdute”. La conduzione è affidata ancora una volta a Costantino Della Gherardesca, che accompagnerà i viaggiatori attraverso Colombia, Guatemala e Messico. La riservatezza su quello che ci attende e che è stato girato negli scorsi mesi è d’obbligo vista la natura del programma ma il capoprogetto Cristiano Rinaldi ha potuto svelare qualche anticipazione in un’intervista a Panorama. Parlando dei concorrenti e in particolare delle “coppie da tenere d’occhio”, Rinaldi ha raccontato: “In questa edizione le donne hanno una forza, uno spirito di sopravvivenza e una tenacia pazzesca: Tina Cipollari e Lory Del Santo, ad esempio, sono due macchine da guerra. In più quest’anno abbiamo aumentato il numero di missioni e prove: il segreto impercettibile è quello di ispirarsi alla realtà dei luoghi, dal cibo all’artigianato. Studiamo tutti i dettagli e scongiuriamo l’effetto Giochi senza frontiere”. In generale, il capoprogetto ha spiegato che questa edizione ci stupirà: “Sarà spettacolare,la più ricca di entertainment. C’è il reality, l’adventure, la parte antropologica e quella documentaristica: la chiave del successo di Pechino è il saper mescolare tutti questi aspetti. È molto servizio pubblico”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori