BLOODY SUNDAY/ Su Rai Movie il film con James Nesbitt diretto da Paul Greengrass

- La Redazione

Bloody Sunday, il film in onda su Rai Movie oggi, domenica 29 gennaio 2017. Nel cast: James Nesbitt e Nichola Farrell, alla regia Paul Greengrass. La trama del film nel dettaglio

logo_raiuno_28062016
Il film è in onda su Rai Movie in seconda serata

Bloody Sunday è il film in onda su Rai Movie oggi, domenica 29 gennaio 2017 alle ore 23.15. Una pellicola drammatica prodotta nel Regno Unito e in Irlanda nel 2002 per la regia di Paul Greengrass. Il film ripercorre a distanza di 30 anni esatti i drammatici avvenimenti accaduti domenica 30 gennaio 1972 in Irlanda del Nord ed è ispirato al libro Eyewitness Bloody Sunday di Don Mullan. Il film, nato come prodotto specifico per la televisione, si è fatto notare anche sul grande schermo, aggiudicandosi prestigiosi riconoscimenti, tra cui l’ Orso d’Oro al Festival di Berlino ed il Premio del Pubblico al Sundance Film Festival del 2002, riscuotendo ovunque un ottimo successo di pubblico e critica. ma vediamo la trama del film nel dettaglio. 

La storia racconta quanto accaduto durante la ormai tristemente famosa “domenica di sangue” vissuta nella città di Derry, il politico Ivan Cooper, protestante e membro del Parlamento per il Partito Socialdemocratico e Laburista organizza una marcia di protesta cui partecipano numerosi membri dell’ Associazione per i diritti civili dell’ Irlanda del Nord. Questa marcia ha un intento assolutamente pacifico e dovrebbe idealmente concludersi con un discorso pubblico sul tema della libertà e dell’indipendenza, nel pieno rispetto dei diritti umani. Ivan Cooper, prima di promuovere questo evento pubblico con una grande adesione di massa, chiede espressamente ai rappresentanti dell’IRA di non partecipare alla marcia, ricevendone ampie rassicurazioni, l’Irish Republican Army gli conferma che si limiterà ad osservare a distanza di sicurezza il corteo, senza intervenire nè interferire in alcun modo. Inizialmente, tutto sembra procedere senza incidenti significativi secondo il programma originario ed il clima della manifestazione si mantiene apparentemente tranquillo. La situazione però è destinata a prendere ben presto una piega drammatica, che segnerà in modo indelebile il futuro dell’ Irlanda del Nord e dell’intera Europa negli anni a venire. Subito dopo l’inizio del comizio di Cooper alcuni paracadutisti inglesi fanno fuoco sulla folla di manifestanti inermi, uccidendo tredici persone e ferendone gravemente quattordici, in quella che è passata alla storia come la “Bloody Sunday”, la domenica di sangue che ha ispirato la famosa canzone degli U2. A seguito dei tragici eventi del 30 gennaio 1972 si è assistito ad un inasprimento nella lotta tra forze indipendentiste irlandesi ed esercito britannico, oltre che ad una massiccia adesione di giovani nord irlandesi alle file dell’IRA, ottenendo in questo modo il risultato esattamente opposto a quello che ci si era prefissi di raggiungere con le marce pacifiste.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori