Chi l’ha visto?/ Anticipazioni: i casi di Rosa Di Domenico, Maria Chindamo e Luca Catania (18 ottobre 2017)

- Silvana Palazzo

Chi l’ha visto? Le anticipazioni sulla puntata di oggi, 18 ottobre 2017: i casi di Rosa Di Domenico, Maria Chindamo e Luca Catania. Le ultime notizie e gli aggiornamenti in diretta su Rai3

federica_sciarelli_chi_lha_visto_2017
Chi l'ha visto, anticipazioni

Misteri da chiarire e gialli da risolvere: torna Chi l’ha visto? con i casi di cronaca che tengono in apprensione l’opinione pubblica. Stasera alle 21.15 su Raitre nuovo appuntamento con il programma di Federica Sciarelli. Di cosa si occuperà oggi, mercoledì 18 ottobre? Tra i casi che verranno trattati c’è quello di Rosa Di Domenico, la quindicenne di Sant’Antimo che è scomparsa a fine maggio. Più volte i suoi genitori hanno lanciato l’allarme ai microfoni della trasmissione, ma ora sta indagando sul caso anche l’antiterrorismo della Procura di Napoli. La ragazzina, infatti, potrebbe essere finita all’estero, forse in uno dei paesi del Medio Oriente dove sono attive le milizie dell’Isis, dove starebbe seguendo un percorso di islamizzazione. Sull’inchiesta c’è uno stretto riserbo ed è svolta in parallelo ad altre due indagini che riguardano il presunto rapimento e le foto di contenuto pedopornografico che la ragazza sarebbe stata costretta a farsi scattare dall’uomo sospettato di averla rapita, Alì Quasb, un pakistano residente a Brescia anche lui scomparso. 

CHI L’HA VISTO, ALTRI DUE MISTERI: DALL’IMPRENDITRICE AL CARABINIERE

Stasera a Chi l’ha visto? si parlerà anche della scomparsa di Maria Chindamo, su cui sta indagando, oltre che la Procura di Vibo Valentia, anche la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, dopo le rivelazioni di un pentito. Non ha fatto registrare alcuna svolta invece l’inchiesta sulla scomparsa di Luca Catania, il carabiniere di 47 anni che non dà notizie da un anno. Perché avrebbe dovuto rischiare la radiazione da lavoro? La vicenda è ancora avvolta nel mistero: l’ultima traccia lasciata dall’uomo è l’inserimento alle 8.37 del 7 ottobre 2016 dell’allarme di casa. Da quel momento in poi non si sono più avute notizie di lui. La moglie credeva che fosse impegnato in un corso, i colleghi invece pensavano che fosse a casa malato. Invece il militare spariva nel nulla in quelle ore portando con sé solo la pistola d’ordinanza, nessun documento, telefono o soldi. A lanciare l’allarme la moglie, che aveva scoperto l’incongruenza nei racconti. La procura di Savona ha aperto un fascicolo per sequestro di persona a carico di ignoti. Finora non sono emersi elementi utili per chiarire il giallo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori