ELIO/ Alla ricerca del talento più sopra le righe (Strafactor)

- Dario Ghezzi

Elio è uno dei tre giudici del programma Strafactor che ha come compito quello di trovare il talento più irriverente e sopra le righe e che sarà trasmesso subito dopo X Factor. 

strafactor_2017
StraFactor 2017

Elio, Jake la Furia e Drusilla Foer saranno giudici del programma Strafactor che sarà in coda ai Bootcamp di X Factor 2017. La conduzione del programma è affidata a Daniela Collu, per quello che sarà un vero e proprio show nello show. La missione del programma è quella di trovare il talento più alternativo e stravaganti e saranno 12 i concorrenti che si sfideranno nel programma. Il vincitore, in seguito, si esibirà proprio nella finalissima di X Factor 2017. Per Elio, già giudice del talent, non è la prima volta a Strafactor. Lo scorso anno lo abbiamo visto insieme a Mara Maionchi e c’è stata l’incoronazione di Cecco e Cipo, i quali conquistarono il pubblico con la canzone volgare “Non voglio dire” facendolo divertire. Rispetto allo scorso anno, la formula del programma è cambiata e ora somiglia sempre di più a un talent con una fase di scrematura iniziale, audizioni e una finalissima.

ELIO, CURIOSITA’ E SCHEDA

Il vero nome di Elio è Stefano Belisari ed è nato il 30 luglio 1961 a Milano. Si è diplomato al Conservatorio Giuseppe Verdi e ha conseguito una laurea in Ingegneria elettronica presso il Politecnico di Milano. Suona diversi strumenti come il flauto traverso, il basso elettrico e la chitarra. Ha collaborato con moltissime stelle della musica italiana come Laura Pausini, Giorgia, Enrico Ruggeri e Max Pezzali. Elio, insieme alla sua band fondata all’età di 19 anni (Le storie tese), ha partecipato al Festival di Sanremo per ben tre volte con La terra dei cachi, La canzone monotona, e Vincere l’odio. Ha partecipato a molte trasmissioni televisive come Mai dire gol, Drammi Medicali e Parla con me oltre a essere per ben 4 volte il giudice di X Factor. Riguardo la sua vita sentimentale, è sposato dal 2009 e ha avuto due figli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori