Giancarlo Magalli/ Reality e talent sono di plastica, solo Fiorello può salvare il vero varietà

- Silvana Palazzo

Giancarlo Magalli: “Le serie tv di Sky e Netflix sono meglio di reality e talent. Varietà? Solo Fiorello può salvarlo”. Le ultime notizie sul conduttore dei Fatti Vostri

i_fatti_vostri_volpe_magalli_morselli_fox_facebook_2017
Paolo Fox a I Fatti Vostri

Un’altra frecciata ad Adriana Volpe: commentando il rinnovamento del cast dei Fatti Vostri, Giancarlo Magalli ne ha approfittato per prendere nuovamente le distanze dall’ex collega. «Il cambiamento ha giovato a tutti, al programma e anche al sottoscritto», ha dichiarato il conduttore, che nei mesi scorsi è stato protagonista di un duro scontro verbale con l’ex modella. «Lavori da 20 anni grazie ad una persona sola», una delle tante accuse di Magalli a cui Adriana Volpe aveva prontamente replicato. Recentemente il conduttore ha ricevuto il Premio Dino Verde, storico autore televisivo e teatrale italiano. «È uno dei maestri del mio mestiere, autore straordinario ma soprattutto uomo di una signorilità e di una raffinatezza come solo i napoletani doc possono essere», ha raccontato il presentatore nell’intervista rilasciata a Il Mattino. La tv però negli ultimi anni è cambiata, rivoluzionata. «Una volta i programmi ce li scrivevamo noi ed erano cuciti su misura per il pubblico italiano, oggi li scrivono altri, quindi dobbiamo riadattarli».

GIANCARLO MAGALLI, COME È CAMBIATA LA TV ITALIANA

Icona social per la sua ironia sul web, Giancarlo Magalli ha parlato in un’intervista a Il Mattino di come è cambiata la tv con l’avvento del digitale e del satellitare. I giovani ad esempio preferiscono Sky e Netflix: «La nuova frontiera è quella, anche io sono fruitore delle serie tv. Parliamo di prodotti di alto livello, meglio di reality e talent». Nella tv di oggi non sembra esserci più spazio per il varietà: Celebration ad esempio non funziona. «Se un varietà del sabato lo facesse Fiorello i risultati sarebbero diversi. Lui è l’unico e ultimo interprete di quel tipo di varietà, un performer che canta, imita, fa monologhi, sketch, ironizza su tutto. Per fare un varietà vecchio stile ci vuole uno così», ha spiegato Giancarlo Magalli, che evidentemente non è convinto dalla conduzione di Marcorè e Serena Rossi. «Pur essendo molto bravi, sono al di fuori del varietà tradizionale o almeno non vengono identificati con il genere».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori